VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 12 Luglio
luglio 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC

NEWS ACVV

PRESIDENTE DIOCESANO
E' con gratitudine che accogliamo la comunicazione del Vescovo Corrado relativa alla nomina di Enrico Ioppo quale presidente diocesano di Azione Cattolica per il triennio 2020-23. Ringraziamo Enrico per la disponibilità data all'associazione, ci impegniamo a vivere nella corresponsabilità il servizio alla Chiesa e all'AC diocesana con generosità e dedizione. Buon lavoro e buon cammino a tutti noi! Emanuela con don Andrea.

TEMPO ESTATE ECCEZIONALE
lentamente e con prudenza stiamo facendo i primi passi per ricostruire nelle nostre comunità e associazioni parrocchiali opportunità di incontro e confronto. Il Consiglio diocesano di Azione Cattolica ha valutato la possibilità di aprire Casa Cimacesta all'esperienza estiva dei campiscuola, parte fondamentale dei nostri cammini formativi per piccoli e grandi. E' con grande tristezza che sospendiamo la proposta di calendario estivo elaborata per i mesi di giugno e luglio. Siamo in attesa di condizioni e disposizioni più vicine alle potenzialità di uso degli spazi della casa, per prendere in considerazione una eventuale apertura a famiglie e giovani nella seconda parte dell'estate. Prossimamente riceverete altre comunicazioni da parte delle commissioni circa proposte per attività estive alternative e fattibili fin d'ora. Voi stessi siete chiamati ad usare la vostra fantasia e creatività per promuovere tutto quello di cui c'è bisogno per fare del tempo estivo un tempo eccezionale per vivere l'amicizia, la formazione, l'essere Chiesa a partire dalle nostre parrocchie.

EVENTI

Estate Eccezionale 2020 Cammino Assembleare 2020 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Giovani in cammino sulle orme di Piergiorgio Frassati

 
“Montagne, montagne, io vi amo”
 
Queste sono le parole di Pier Giorgio Frassati, un giovane della Torino di inizio ‘900, iscritto alla Gioventù Cattolica (ramo maschile dell’A.C.), alla FUCI e socio del Club Alpino Italiano.
 
Amava la montagna e la sentiva come “una cosa grande, un mezzo di elevazione dello spirito, una palestra dove si tempra l’anima e il corpo”, il simbolo di una quotidiana ricerca di Dio e luogo in cui esprimere la carità verso “gli ultimi” che incontrava lungo il suo cammino.
“Ogni giorno mi innamoro sempre più delle montagne e vorrei passare intere giornate sui monti a contemplare in quell’aria pura la Grandezza del Creatore”.
Con la sua testimonianza di vita Pier Giorgio ha, in fondo, tracciato “il sentiero” per tutti quei giovani che, come diceva, vogliono “vivere e non vivacchiare”.
 
Dopo la sua beatificazione nel 1990, il C.A.I. ha deciso di dedicargli diversi sentieri in ogni regione d’Italia, per dare la possibilità a tutti di sperimentare la bellezza del Creato e sentirsi più vicini a Dio.
Nel Veneto il sentiero Frassati si snoda nelle zone del Comelico, Sappada e Val Visdende.
 
Da venerdì 10 a martedì 14 agosto, una decina di noi giovani dell’Unità Pastorale di Codognè e Cimetta, accompagnati da don Paolo e Alberto Grando, con la presenza, in alcuni momenti salienti dei nostri sacerdoti, don Stefano e don Michele, siamo stati provocati a metterci in cammino, a lasciare le comodità di cui godiamo ogni giorno e partire alla ricerca di quell’essenzialità che sentiamo sempre più lontana dal nostro vivere.
 
Ognuno con il suo “Sì”, piccolo o grande, sicuro o dubbioso, si è preparato alla partenza, che forse spaventa sempre un po’, ma che incuriosisce e attrae ad orizzonti nuovi, visibili solo se ci si allontana dalla riva, se si ha il coraggio di muoversi dalla roccia a cui si è ancorati.
 
Sono stati dei giorni vissuti nella condivisione di ogni cosa e di ogni momento. Abbiamo sperimentato la sicurezza dell’andare verso una meta comune, insieme, ma, allo stesso tempo, ognuno con i suoi ritmi. Abbiamo provato la fatica della salita, il respiro della sosta, lo stupore del panorama, il desiderio della discesa per raccontare a tutti la bellezza contemplata.
 
È stata un’occasione di crescita, che ci ha portati ad interrogarci sul cammino della nostra vita, così da riuscire, una volta tornati, a riprendere con motivazione, spinta e anche nuova gratitudine gli impegni e le situazioni in cui siamo costantemente immersi.
“Senza Dio il sentiero della vita non porta da nessuna parte. Senza la carità, senza amore, il sentiero della vita è un sentiero senza senso”.

 
dei giovani dell’Unità Pastorale
di Codognè, Cimetta, Cimavilla e Roverbasso
L’Azione, 9 settembre 2012