VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

CAMPISCUOLA 2012:

Fare campi da Adulti

 
“La meta della formazione dell’Azione Cattolica è quella di accompagnare i suoi aderenti ad essere laici capaci di vivere in modo autentico e originale la propria esperienza cristiana nella storia”.
( Progetto Formativo, pag. 45 )

 
Se non siamo responsabili, che adulti siamo? E’ questa consapevolezza ineluttabile che differenzia l’adulto dal bambino. E’ questa responsabilità verso il mondo, la Chiesa , l’altro che fonda il senso di appartenenza, che mi spinge al servizio e all’operare per rendere più “umane” le relazioni e i legami.
 
Abbiamo scelto come tema del campo lo stesso titolo del documento sugli orientamenti pastorali presentati dal vescovo Corrado: “Corresponsabili per la missione”.
 
La nostra riflessione vuole dare il giusto significato a definizioni come responsabilità, corresponsabilità, etica, missione, evangelizzazione; parole che hanno bisogno di essere declinate in modo nuovo per essere più efficaci.
Parleremo di come forze etiche quali il bene, la verità, la bellezza, la giustizia abbiano bisogno di immaginazione e di fiducia affinché ognuno trovi il coraggio e la forza di mettersi in gioco in prima persona e assumersi la responsabilità del cambiamento per conformarsi al Vangelo.
 
Per il cristiano in realtà c’è un’unica etica possibile: quella di riconoscersi responsabile anche di quello di cui non siamo oggettivamente responsabili, tanto è grande il nostro senso di appartenenza all’umanità e il nostro essere creature di Dio, a cui è stato affidato il compito di “coltivare e custodire”.
La Parola di Dio sarà il nostro principale riferimento quando avvicineremo figure quali Abramo, Pietro e Paolo, Tommaso, Giuseppe e Maria. Da essi trarremo gli spunti per valutare e valorizzare la nostra originalità nella testimonianza di vita
 
L’invito a partecipare è naturalmente rivolto a tutti, adulti e famiglie, e per quanti fosse un problema economico, l’associazione offre la disponibilità di un sostegno.
 
La settimana di campo (dal 5 al 12 agosto e dal 12 al 19 agosto – info Ufficio diocesano AC 0438/940374) prevede dei momenti di lavoro e di festa, cercando di sperimentare il giusto equilibrio fra le due componenti che caratterizzano il tempo della vita di ciascuno, qualsiasi sia l’età, lo stato civile, o l’ambito scelto per realizzare la propria vocazione.
E’ un tempo speciale, un tempo pensato, un tempo dedicato. Un tempo per il silenzio, un tempo per stare con gli altri… un tempo da non perdere.

 
di Emanuela Baccichetto
L’Azione, 29 luglio 2012