VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

CAMPISCUOLA 2012:

Esperti CAI ai campiscuola

 
Novità di quest’anno ai campiscuola è stato l’incontro con una guida del CAI. La sera prima dell’escursione ai ragazzi è stato annunciato l’ospite a sorpresa, per il campo elementari 13-20 giugno, Ferruccio. E’ arrivato con il suo grande zaino dal quale, come se fosse una borsa magica, ha iniziato a tirar fuori corde, abbigliamento, cartina, moschettoni e tanti altri strumenti con i quali ci ha fatto entrare nel mondo della montagna.
 
I ragazzi sono stati direttamente coinvolti, aiutando la nostra guida nella spiegazione e toccando con mano gli oggetti. In un primo momento abbiamo cercato di capire l’equipaggiamento necessario per affrontare al meglio un’escursione, poi abbiamo visto come tecnicamente gestirla, infine ci siamo dedicati al primo soccorso e qui è arrivato il momento delle prove pratiche.
 
Una fortunata sorteggiata tra i 90 presenti, ha indossato l’imbragatura, gli occhiali, il caschetto e aiutata dal capocampo, ci ha fatto vedere come avviene un salvataggio con l’elicottero. Anche se la guida ci ha raccontato non solo di come fare attenzione nelle nostre piccole escursioni, ma anche di scalate, ferrate e ghiacciai, ragazzi ed educatori erano molto attenti e affascinati.
 
Scelta molto riuscita quella di inserire questo incontro nelle giornate di campo, sia per tutti gli aspetti tecnici nella gestione dell’escursione, che si sa con 90 ragazzi al seguito mette sempre un po’ di “ansia”, sia per il lato umano. E’ stata infatti occasione per cogliere nuovamente il bello di vivere assieme ad altri, coetanei e adulti, un’escursione in montagna. Anche faticosa ma che ti ripaga cammin facendo e una volta arrivati alla meta. E poi per aver fatto passare ancora una volta il concetto di rispetto per l’ambiente.
 
Atteggiamenti che terremo presente non solo in quell’occasione a Cimacesta, ma tutte le volte che ci troveremo a vivere esperienze simili anche in altri contesti. Vi chiederete, ma come è andata alla fine quest’escursione? Benissimo! Il mattino seguente siamo partiti e abbiamo affrontato il cammino con una consapevolezza in più, ricordando con gratitudine le parole della nostra guida CAI.

 
di Chiara Basei e Nicola Brugnera
L’Azione, 29 luglio 2012