VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

settembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30EC

NEWS ACVV

Incontro unitario di inizio anno
Responsabili, educatori, aderenti sono invitati all'incontro che dà ufficialmente avvio all'attività dell'Azione Cattolica per il nuovo anno. L'appuntamento è a San Vendemiano, nell'oratorio Giovanni Paolo II, domenica 22 settembre. Si inizia alle 8.00 con la Messa della comunità per proseguire, dopo l'accoglienza e la preghiera, con la relazione di Fabiana Martini, giornalista, già vice sindaco di Trieste e consigliere nazionale ACR sul tema: "Radici e futuro" Lo Statuto del 1969: le radici dell'Ac. L'ACR: il presente che abita il domani. Seguiranno il dibattito in assemblea e la presentazione del cammino annuale; le conclusione, intorno alle 12.00, con i saluti e lo SpritzAc. Ci saranno a disposizione i testi dell'anno.

EVENTI

Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

COLLABORATORI DELLA GIOIA

“La passione di educare insieme”

APPUNTI DI VIAGGIO

 
Appunti di viaggio dal Convegno nazionale educatori ACR e giovani che si è svolto a Roma dal 14 al 16 dicembre 2012.
 
Chiara: “L’esperienza del nostro servizio come educatori deve essere sempre guidata dalla consapevolezza che non siamo lì a titolo personale, ma perchè mandati da un’associazione e dalla chiesa tutta che ci sostiene e accompagna.
Siamo vivi e attivi nella nostra piccola comunità non separandoci però dalla comunità più grande (diocesana e nazionale) ma facendone parte.”
 
Alessandro: “La formula della catechesi esperienzale è vincente perchè parla ai ragazzi anche attraverso le emozioni: esse sono vissute diversamente a seconda della fascia d’età e del contesto familiare, parrocchiale e diocesano. Consapevole di questo l’AC compie nella sua proposta una triplice scelta: la completezza, la gradualità e la globalità.”
 
Mirko: “Quello che dobbiamo portare nella vita dei ragazzi è la gioia, la gioia vera che non sta nel possesso delle cose o nell’allegria di un momento estemporaneo e superficiale, ma nelle relazioni personali più vere e più profonde.
Questa gioia non risiede semplicemente nell’educatore; ogni figura educativa è testimone e collaboratore perchè ne è reso partecipe.
Perciò noi educatori ci dobbiamo sentire chiamati dai nostri ragazzi ad essere testimoni veri, vivi e appassionati.”

 
19 dicembre 2012