VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 15 Dicembre
dicembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC

NEWS ACVV

"Anche Si....gnore" Smartbox spiritualità
L 'ultima settimana di novembre e la prima di dicembre vedono realizzarsi, nelle foranie, gli incontri di accostamento alla Parola del Signore per ragazzi di prima, seconda, terza superiore. Questo il calendario: venerdì 29 novembre, ore 20.30 nell'oratorio di Ponte della Priula per la forania La Colonna; sabato 30 novembre, ore 17.30 nell'oratorio di Gaiarine per la forania Pontebbana; domenica 1 dicembre,  dalle 15.00 alle 17.00 dalle suore Saveriane di Ceggia per la forania Torre di Mosto; sabato 14 dicembre, ore 17.00 nell'oratorio di Sacile per la forania Sacilese.

Work in progress
Per gli educatori ACR più giovani sono stati pensati degli incontri di formazione a livello locale. Queste la date del primo appuntamento: sabato 7 dicembre a Ceggia dalle 17 alle 18.30 per le foranie Mottense e Torre di Mosto; domenica 15 dicembre a San Polo di Piave dalle 9 alle 10.30 per la forania Pontebbana, con partecipazione alla Santa Messa a conclusione dell'incontro.

Veglia associativa diocesana
Sabato 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell'Immacolata, alle 20.30, nella chiesa parrocchiale di Colle Umberto, l'Azione Cattolica si ritrova in preghiera. "La casa di Maria", il filo conduttore della tradizionale veglia, che riconduce al verbo "abitare", tema associativo dell'anno.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata, l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano in molti modi diversi, ma è la benedizione delle tessere durante la Santa Messa il momento più significativo.

EVENTI

Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

IMPRESSIONI DAL CAMPANAC

Cimacesta, una casa magica

 
Nei giorni 7-8-9 settembre si è svolto a Cimacesta il CampanAC, il weekend di formazione che l’Azione Cattolica diocesana propone ai suoi educatori. Abbiamo chiesto a Ilaria e Stella, due giovani educatrici 18enni, di sintetizzare con alcuni pensieri l’emozione del loro primo CampanAC:
 
“Ormai l’estate è giunta al termine e la nostra Cimacesta, dopo aver accolto centinaia e centinaia di ragazzi ed educatori, è pronta per il riposo, ma prima di questo ha voluto regalare a noi educatori l’ultima magia. Si, questa casa è magica perché c’è sempre qualcuno pronto ad ascoltarti e che crede in te!”
 
“Il CampAnAC ci ha dato la possibilità di riflettere ancora una volta su quanto sia bella l’AC: è straordinario vedere quanti educatori si riuniscono e trascorrono un weekend pieni di gioia ed energia, pronti a mettersi in gioco, perché solo così facendo si può imparare, crescere ed essere Chiesa.”
 
“Sono stati 2 giorni ricchi di momenti di preghiera, di formazione, di condivisione. A partire dall’incontro con il Vescovo che ha analizzato il tema della scelta e di come raggiungere una coscienza morale matura, ovvero, attraverso la capacità di discernimento e il paziente esercizio.”
 
“Non sono mancate le testimonianze di persone che hanno dovuto compiere delle scelte per essere quelle che oggi sono; infatti per scegliere dobbiamo tener conto: dei legami con il passato che danno le basi per il proprio stile di vita; della rinuncia poichè a volte bisogna dire di no in forza di un sì capace di portare alla vita piena; del desiderio che significa orientarsi verso qualcosa di bello; dell’orientamento al futuro, cioè, una dimensione progettuale che tiene fede alle scelte prese in precedenza.”
 
“Questo weekend coincide con la chiusura della nostra Casa, ma è anche un buon modo per iniziare il cammino del nuovo anno associativo, per trovare gli spunti, l’energia e l’entusiasmo per donare ogni giorno qualcosa di noi stessi agli altri.”
 
“Scelgo, dunque sono felice”. Noi educatori, partecipando al campanAC abbiamo scelto di essere presenti, di essere educatori quindi di metterci a servizio degli altri, bambini, giovani e adulti. Abbiamo scelto di essere parte dell’AC. Da questa esperienza torno a casa piena di emozioni, per merito di tutti quelli che hanno voluto condividere anche un semplice sorriso o un abbraccio; e carica di energia per iniziare con il piede giusto quest’anno associativo!”

 
di Ilaria Bonadè e Stella Dal Gallo
L’Azione, 16 settembre 2012