VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2019
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC

NEWS ACVV

Orchestriamo la Pace
Giunta all'ottava edizione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace è sabato 19 gennaio 2019 in patronato a Motta di Livenza. L'evento, che quest'anno si avvale della collaborazione con il Centro Studi La Pira, inizia alle ore 20.00 con un buffet aperto a tutti per proseguire poi con lo spettacolo musicale a partire dalle 21.00. Le esibizioni musicali e le forme artistiche presentate avranno come sfondo il tema del messaggio del Papa per la giornata mondiale per la Pace “La buona politica al servizio della pace". Ingresso libero.

Feste della Pace
A conclusione del Mese della Pace, vengono organizzate le feste foraniali per la Pace. Questo il calendario: domenica 20 gennaio: a Campodipietra per Mottense - Torre di Mosto e a Cordignano per Pedemontana. Sabato 26 gennaio a Vazzola per La Colonna. Domenica 27 gennaio a Sacile per Sacilese e a Piavon per Opitergina. Domenica 10 febbraio a Gaiarine per Pontebbana. Durante le feste verrà proposta l'iniziativa "Abbiamo riso per una cosa seria" che sostiene progetti che promuovono l'agricoltura familiare dei contadini del nord e del sud del mondo, contro lo sfruttamento del lavoro e del territorio. Ci saranno a disposizione delle confezioni sottovuoto di riso da 500 grammi.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti della forania Opitergina
I presidenti parrocchiali e il coordinamento della forania Opitergina si incontrano con la presidenza diocesana giovedì 31 gennaio, alle 20.30, nella parrocchia di Lutrano, sale dell'oratorio.

EVENTI

Incontro Presidenti Parrocchiali Triveneto OrchestriAmo La Pace 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Evangelizzazione, dialogo e bene comune

 
L’AC del Triveneto scrive ai Vescovi in vista di Aquileia 2
 
Dal 13 al 15 aprile si celebrerà ad Aquileia il secondo convegno ecclesiale delle Chiese del Triveneto, che ha preso avvio più di un anno fa.
È un convegno che vede profondamente coinvolte le 15 diocesi del Nord-est e che ha vissuto un momento fondamentale lo scorso maggio, quando papa Benedetto XVI è venuto a farci visita, invitandoci, tra l’altro, a «testimoniare l’amore di Dio anche con la promozione del “bene comune”» e ad «assumersi responsabilità dirette nei vari ambiti del sociale».
Queste le premesse – strettamente collegate alla lettera che i vescovi avevano consegnato all’Azione Cattolica nel 1996, all’indomani del 1° convegno di Aquileia, nella quale vi è la conferma del riconoscimento e dell’incoraggiamento a coltivare il ministero laicale nella Chiesa – che ci hanno condotto, come Azione Cattolica del Triveneto, alla stesura di un contributo presentato ai vescovi e al comitato preparatore di Aquileia 2, nel quale abbiamo dato voce alla nostra riflessione in merito alle tematiche della seconda fase preparatoria del convegno.
Una nuova evangelizzazione del Nord-est, in dialogo con la cultura del nostro tempo, impegnati per il bene comune: queste i tre ambiti di lavoro, scaturiti dalla narrazione del vissuto ecclesiale delle 15 diocesi, primissimo risultato dei lavori in vista del convegno e dalle sollecitazioni del Papa. L’Azione Cattolica del Triveneto, attraverso un confronto capillare e una comunione di riflessioni, ha presentato il suo contributo tenendo come linee guida proprio questi tre ambiti. La lettera è il risultato di una forte condivisione, ha tenuto conto delle diverse presenze dell’associazione nel territorio e dei diversi vissuti, riconoscendo spunti e istanze comuni da presentare ai nostri Vescovi. «Siamo convinti dell’importanza fondamentale del “post Aquileia”, assumendoci tutti – magistero e laicato, comunità intere e singole persone, associazioni e movimenti – la responsabilità di dar seguito e di portare a maturazione i semi ora deposti nella terra del Triveneto e che ad aprile vedremo magari germogliare». Così si conclude la nostra lettera, che ci vuole presenti accanto ai nostri vescovi, accoglienti e aperti verso i frutti che nasceranno dal convegno, responsabili nel proseguire il cammino che prenderà vita ad Aquileia.

 
di Erika Buso
L’Azione, 25 marzo 2012