VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 26 Gennaio
gennaio 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC

NEWS ACVV

Consiglio diocesano
Alle date già stabilite in calendario si aggiunge un incontro del consiglio diocesano giovedì 9 gennaio 2020, alle 20.30, nell'oratorio di Lutrano. All'OdG l'approvazione del bilancio 2018/19.

Orchestriamo la Pace
Anche quest'anno l'Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace, giunto alla sua nona edizione, è sabato sera 11 gennaio 2020, nell'aula magna del Seminario a Vittorio Veneto.

Assemblee foraniali
Seconda tappa del percorso verso la XVII assemblea elettiva, nel mese di gennaio vengono eletti i cordinamenti foraniali. Queste le date fin qui stabilite: forania Sacilese venerdì 10 gennaio a Sacile; forania La Vallata, lunedì 13 gennaio a Valmareno; forania Opitergina, lunedì 13 gennaio ad Oderzo; forania La Colonna, lunedì 13 gennaio a Vazzola; forania Mottense, venerdì 17 gennaio, a Cessalto. Per tutti: inizio alle 20.30.

Percorso etico
Secondo incontro del percorso etico 2019/2020 "Abitare la vita. Dal concepimento alla morte naturale". L'appuntamento è ad Oderzo, sala del Campanile, giovedì 23 gennaio, ore 20.30. Sul tema: "Le buone pratiche di chi accoglie, cura e accompagna la vita" intervengono suor Carmelita Follador della Casa Mater Dei di Vittorio Veneto, Francesco Benazzi, direttore generale AULSS 2 Marca Trevigiana, Paola Paiusco, direttore UOC Cure Palliativa AULSS 2, Maria Eufrasia Valori, vice presidente ADVAR Treviso. Coordina Marco Zabotti, direttore scientifico Istituto Beato Toniolo. Le vie dei Santi.

EVENTI

Cammino Assembleare 2020 Orchestriamo la Pace 2020 Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

AMICI FRATERNI CHE NON SI DIMENTICANO

 
Conserviamo nel cuore il ricordo grato e commosso di don Mario e Piergiorgio, fratelli nella fede, umili e forti, lieti e generosi, che hanno lasciato un segno nel nostro cammino personale e di coppia, nell’Azione Cattolica, ed hanno vissuto e testimoniato “fatti di Vangelo” nella nostra Chiesa diocesana.
 
Don Mario: è stato per noi un amico fraterno, un prete dalla grande umanità, che prima di tutto si interessava della vita concreta delle persone, che ha fatto del quotidiano il luogo privilegiato dell’incontro con Dio. Cercava sempre il rapporto personale, ascoltava, sapeva scoprire e valorizzare i talenti di ciascuno e invitava a farli fruttificare in associazione e nella Chiesa. La sua presenza, discreta e continua nei campiscuola estivi a Cimacesta, gli permetteva di conoscere tutti in Azione Cattolica consentendogli di avere presente la vita associativa ai vari livelli, da quello parrocchiale a quello diocesano: le attività, gli impegni, la vita pastorale delle parrocchie, il ruolo dei laici, le difficoltà ma anche le tante opportunità di bene, di gioia ed entusiasmo che si vivevano in diocesi. E così, d’estate, il sabato e la domenica, giorni in cui potevamo recarci a Cimacesta, facevamo insieme discernimento e pensavamo ai programmi da mettere in cantiere per il nuovo anno associativo. Questi incontri permettevano di scambiarci le esperienze personali, di vivere insieme la gioia della fede e la ricchezza delle nostre vocazioni. La valorizzazione di tutte le vocazioni, sostenute dalla Parola e dalla preghiera, è stata sempre una priorità qualificante che don Mario inseriva nei cammini educativi; diceva che “la Parola di Dio è luce per discernere la bontà di ogni progetto, di ogni iniziativa, di ogni priorità pastorale”. Don Mario amava profondamente la sua Chiesa, sognava un modello di Chiesa dialogico e aperto secondo lo Spirito del Concilio, che nella Chiesa riconosce a tutti la dignità di figli. Credeva nel laicato e lo stimava, aveva delle convinzioni precise sul ruolo dei laici nella Chiesa e nella società. Ci ha aiutati a riscoprire una “spiritualità laicale”, ad incontrare personalmente il Signore Gesù nel vissuto quotidiano e ad approfondire il senso cristiano del dolore e della morte attraverso la sua malattia.
 
Piergiorgio: ci piace ricordare Piergiorgio come il cristiano del sorriso, dell’impegno ecclesiale e sociale, dell’uomo autentico nel vivere i valori in cui credeva. Abbiamo condiviso con lui e la sua amatissima Bianca, il rinnovamento della Chiesa nel postconcilio, l’apertura al mondo, i documenti sul laicato, l’incontro con la Parola di Dio, la preghiera e i Sacramenti. Piergiorgio è stato un punto di riferimento costante, ci ha trasmesso sicurezza senza disagio, motivando con chiarezza il suo pensiero. Aveva passione per il Regno e lo testimoniava con la vita, prima di tutto nella sua famiglia e nella sua comunità. Ci sollecitava ad essere con e tra la gente, popolo di Dio, in atteggiamento di accoglienza, di ascolto e di dialogo, per saper cogliere le profonde aspirazioni umane ed essere capaci di trasmettere speranza e gioia. Piergiorgio ha saputo essere un profeta del suo tempo! Anche di fronte alle difficoltà incontrate a volte nel cammino associativo e pastorale, di fronte ad una Chiesa che tardava a divenire conciliare, è stato annunciatore di “buona notizia”, uomo che confidava nel progetto di Dio. Ha amato il suo tempo, l’uomo del suo tempo, sapeva che nelle gioie e nelle sofferenze dell’umanità Dio è sempre presente con il Suo Amore. Piergiorgio, nella sua vita insieme a Bianca, ha incontrato il “Dio vivente”, un Dio vicino, il Dio di ogni giorno.
Alla vigilia della celebrazione del Convegno ecclesiale diocesano, è bello fare memoria di questi fratelli che hanno scritto “fatti di Vangelo” con la loro vita. Molte delle loro intuizioni e convinzioni saranno presenti nelle riflessioni che andremo a fare in questo grande “cantiere” di lavoro.

 
di Graziella e Dante Dal Cin
L’Azione, 26 febbraio 2012