VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2019
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC

NEWS ACVV

Orchestriamo la Pace
Giunta all'ottava edizione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace è sabato 19 gennaio 2019 in patronato a Motta di Livenza. L'evento, che quest'anno si avvale della collaborazione con il Centro Studi La Pira, inizia alle ore 20.00 con un buffet aperto a tutti per proseguire poi con lo spettacolo musicale a partire dalle 21.00. Le esibizioni musicali e le forme artistiche presentate avranno come sfondo il tema del messaggio del Papa per la giornata mondiale per la Pace “La buona politica al servizio della pace". Ingresso libero.

Feste della Pace
A conclusione del Mese della Pace, vengono organizzate le feste foraniali per la Pace. Questo il calendario: domenica 20 gennaio: a Campodipietra per Mottense - Torre di Mosto e a Cordignano per Pedemontana. Sabato 26 gennaio a Vazzola per La Colonna. Domenica 27 gennaio a Sacile per Sacilese e a Piavon per Opitergina. Domenica 10 febbraio a Gaiarine per Pontebbana. Durante le feste verrà proposta l'iniziativa "Abbiamo riso per una cosa seria" che sostiene progetti che promuovono l'agricoltura familiare dei contadini del nord e del sud del mondo, contro lo sfruttamento del lavoro e del territorio. Ci saranno a disposizione delle confezioni sottovuoto di riso da 500 grammi.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti della forania Opitergina
I presidenti parrocchiali e il coordinamento della forania Opitergina si incontrano con la presidenza diocesana giovedì 31 gennaio, alle 20.30, nella parrocchia di Lutrano, sale dell'oratorio.

EVENTI

Incontro Presidenti Parrocchiali Triveneto OrchestriAmo La Pace 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

GIUSEPPE TONIOLO BEATO

Azione Cattolia, parte integrante del “progetto di vita”
e di santità, di Giuseppe Toniolo

 
Del “progetto di vita” e di santità di Giuseppe Toniolo era parte integrante l’Azione Cattolica, anello di congiunzione concreto tra vita di fede, vita famigliare, ed impegno per il “bene di tutti”.
L’esperienza associativa rimane, insieme alle altre dimensioni della sua vita e alle diverse sfaccettature del suo impegno, la testimonianza appassionata di un uomo che è in continua ricerca del rapporto personale con il Signore in ogni contesto della vita quotidiana.
 
In Toniolo tutto tende all’ azione, ma il suo diario spirituale ci fa conoscere il segreto: la sua vita incredibilmente operosa era tutta radicata nella vita interiore. Il filo conduttore è lo sforzo della costante adesione alla volontà di Dio, alla ricerca della quale pone tutto il suo sforzo di discernimento.
Toniolo ci ha insegnato come la sobrietà e l’essenzialità diventano segno della “vita buona” del Vangelo che sa confrontarsi in modo non scontato ma critico con le sfide dei tempi e le domande profonde che emergono dalla complessità del vivere quotidiano.
 
Dall’esperienza associativa nell’Azione Cattolica egli trae forza per un impegno sociale sempre animato da un’autentica passione per l’uomo, a partire dalle sue fragilità e dai bisogni dei poveri.
Anche oggi Toniolo non manca di indicare all’ Ac e allle altre realtà aggregative il senso più profondo del nostro cammino insieme “con l’uomo e per l’uomo”.
Prezioso l’esempio della sua ricerca della comunione e la costante cura dell’ecclesialità, espresse attraverso una fede continuamente vivificata nell’esperienza della comunità e capace, nel costante riferimento al Vangelo e al Magistero, di tradursi in un dialogo particolarmente attento alle giovani generazioni.
 
Vasto l’orizzonte che tra la dimensione privata e pubblica Toniolo ci schiude: è per noi occasione privilegiata di scoprire il mistero della vita di un laico cristiano che nella quotidiana esperienza familiare, professionale, sociale e politica “abita la terra e vive con fede”.
 
A lui chiedo d’intercedere perchè si rafforzi in ciascuno di noi e nelle nostre comunità civili ed ecclesiali quella Speranza che ha animato la sua vita rendendola feconda allora come oggi.
Nelle nostre famiglie, nella Chiesa, nel Paese in cui viviamo, nelle tante associazioni e aggregazioni l’ evento di grazia della Beatificazione di un “laico, sposo, padre, educatore, economista”, ci faccia riconoscere il dono di quanti camminano insieme e aiuti a fiorire ciò che, anche grazie al nostro servizio e alla nostra testimonianza, sta già germogliando.

 
di Diego Grando
L’Azione, 29 aprile 2012