VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

ISCRIZIONI CAMPI ESTATE 2019
Sono aperte le iscrizioni ai campi per i ragazzi e i giovani iscritti all'Azione Cattolica. Vi attendiamo, nel desiderio di accogliere al meglio ogni richiesta di partecipazione ai campi, perché questo è l'obiettivo del Tempo Estate Eccezionale!

A Susegana adorazione eucaristica nella notte del Giovedì santo
Anche quest’anno l’Azione Cattolica di Susegana e Crevada propone l’Adorazione Eucaristica notturna, dopo la Messa del giovedì Santo, 18 aprile, nella chiesa di Susegana, dalle ore 22 alle 7 del mattino successivo. Il tema “Dio chiama chi ama..." aiuterà ad approfondire diversi episodi del Vangelo, in particolare alcune chiamate fatte da Gesù. Spunti e riflessioni sono proposti dai giovani.

Si riapre Casa Cimacesta
Al via, nei weekend 25-26 maggio e 1-2 giugno a Cimacesta, gli interventi per riaprire la Casa dell’Azione Cattolica diocesana. Chiunque volesse rendersi disponibile lo comunichi in ufficio. tel 0438.940374 o e-mail: segreteria@acvittorioveneto.it. Grazie.

EVENTI

Festa Unitaria 2019 - Sapore di Sale Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

VI Assemblea generale del Forum internazionale di Azione cattolica

In Romania la festa della fede e della laicità

 
Si è conclusa il 26 agosto, a Iasi in Romania, la VI Assemblea ordinaria del FIAC. L’impegno conclusivo: estendere sempre più nel mondo il senso di corresponsabilità ecclesiale e sociale proprio dell’Ac. Il nuovo segretariato è composto da Argentina, Italia, Burundi, Romania e Spagna. Il messaggio del Papa all’assemblea: “Siate un laboratorio della solidarietà e della carità nella globalizzazione”
 
E’ stata un’assemblea, certo, con tanto di voti e scelte importanti. Ma è stata anche – forse soprattutto – una grande festa delle Ac di tutto il mondo, un ritrovarsi nella fede per condividerla ed esprimerla con lo stile proprio dell’Azione cattolica. Lo stile della santità, della corresponsabilità laicale e dell’attenzione costante al mondo, come ha sottolineato il Santo Padre Benedetto XVI nel bellissimo messaggio inviato alle delegazioni dei 35 Paesi membri del Fiac provenienti da quattro continenti.
 
Con queste semplici considerazioni è terminata a Iasi (Romania) la VI Assemblea generale del Forum internazionale di Azione cattolica sul tema “Laici di Azione cattolica: la corresponsabilità ecclesiale e sociale”. Al centro della riflessione il contributo dell’Azione cattolica alla nuova evangelizzazione nei 50 Paesi del mondo in cui è presente con una organizzazione già riconosciuta o in via di strutturazione.
 
L’Assemblea del Fiac – e qui siamo alla parte “formale” dell’assemblea – ha ammesso 2 nuovi paesi membri: Repubblica centroafricana e Congo Brazzaville. Ha proceduto, inoltre, all’elezione dei 5 paesi membri del Segretariato, l’organismo che per i prossimi 4 anni darà attuazione alle risoluzioni dell’Assemblea: conferma per Argentina, Burundi e Italia e nuova nomina per Romania e Spagna.
 
Siamo chiamati ad annunziare il Vangelo – ha affermato il cardinale Salvatore De Giorgi, arcivescovo emerito di Palermo e presidente della fondazione Santi e beati di Ac, durante la celebrazione conclusiva nella cattedrale di Iasi – con nuovo ardore, con nuovi metodi e con nuove espressioni, per far conoscere agli uomini il Cristo, per farli incontrare con Lui e riscoprire la bellezza, il fascino e la novità sempre nuova del suo Vangelo”. E siamo chiamati, inoltre, ad annunziare il Vangelo “non da soli ma insieme a tutte le componenti della Chiesa, con la grazia della comunione che rende l’annunzio credibile e con la forza della compartecipazione e della corresponsabilità che lo rende attraente ed efficace, come lo fu nella prima comunità cristiana”.
 
E’ questa – ha concluso il cardinale già assistente generale dell’Azione cattolica italiana e del Fiac – la caratteristica più ecclesiale dell’Ac, nella quale i rapporti familiari tra laici e pastori, auspicati dal Concilio e ribaditi nel suo messaggio da Benedetto XVI per una maggiore efficacia della missione, hanno la garanzia di una lunga storia consolidata dall’esempio di laici e di pastori santi”.
 
Ad aprire i lavori erano stati, invece, Emilio Inzaurraga, coordinatore del Fiac e presidente dell’Ac argentina, e Sandro Calvani, direttore del Centro Asean sugli Obiettivi di sviluppo del millennio dell’Onu. “La nota costitutiva dei laici – ha sottolineato Inzaurraga – è vivere a fondo il nostro impegno secolare, con i rischi ma anche con la grazia che si riceve”. “Santificare il mondo da dentro, ordinando secondo Dio le cose temporali”, ha sintetizzato Inzaurraga ricordando il Concilio, altro tema dell’assemblea di Iasi in vista dell’approssimarsi del 50° dell’apertura dell’assise conciliare. Una vocazione e una missione “da maturare servendo gli esclusi”. Ciò che proponiamo, ha affermato il coordinatore del Fiac è “un’amicizia sociale” che è traduzione “della fraternità di essere figli di uno stesso Padre”. Non si tratta di “una proposta inconsistente” o di belle parole “politicamente corrette” ma proprio di “mettersi al servizio del bene comune superando i luoghi di conflitto”. La “coerenza con le proprie posizioni di fede” deve portare, per Inzaurraga – che in Argentina ha promosso con l’Ac la campagna “La povertà fa male. Costruiamo una nazione senza esclusi” e il programma “Vota, il tuo voto vale” – a “dire con fermezza che la nostra proposta è diversa dalla corruzione e che i corrotti sono complici di sequestri, tratta delle persone, traffico armi e droga” così come a “esprimerci definitivamente contro la violenza e a favore della pace”.
 
I problemi che abbiamo di fronte nel nostro tempo – gli ha fatto eco Sandro Calvani – non richiedono soluzioni magiche: l’uomo li ha causati e l’uomo può risolverli”. A patto che “l’opzione dei poveri sia considerata da tutti i laici il compito più urgente”. L’economia, ha affermato Calvani deve “servire le persone” e, se i governi sono “strumenti per il bene comune” tutte le persone devono “sentirsi responsabili verso questo obiettivo”. “Formare alla responsabilità civile in associazione – ha concluso il presidente dell’Azione cattolica italiana, Franco Miano – significa avere il senso cristiano della storia con la pazienza dei tempi lunghi, sapendo che il bene non si realizza mai del tutto”. La consapevolezza della parzialità del bene, infatti è “l’altra faccia dell’amore vivo e vero per il mondo”.
 
I resoconti dell’assemblea sono anche su:

 
La Presidenza e il Centro nazionale Ac hanno partecipato con una delegazione composta da: Franco Miano, presidente nazionale; mons. Domenico Sigalini, assistente generale e assistente ecclesiastico del Fiac; Paolo Trionfini, vicepresidente settore Adulti; Teresa Borrelli, responsabile Acr; Monica del Vecchio, consigliere settore Giovani; Michele Panajotti, amministratore nazionale; Luisella Siviero, promozione Ac; Chiara Finocchietti, rapporti internazionali. Presenti anche giovani delle diocesi di Roma e Fermo da tempo impegnati in un proficuo gemellaggio con la chiesa bulgara.

 
Sito AC Nazionale
28 Agosto 2012

 

SOLENNE CELEBRAZIONE
NEL 100° ANNIVERSARIO
DALLA NASCITA DI MONS. ALBINO LUCIANI
– GIOVANNI PAOLO I –

 

Domenica 14 ottobre 2012
alle 19:00, a Vittorio Veneto, in Cattedrale

(Presiede il vescovo Corrado)

 

2012-2013: Anno della Fede

CELEBRAZIONE D’INIZIO DELL’ANNO DELLA FEDE

 

Giovedì 11 ottobre 2012
alle 20:30, a Vittorio Veneto, Cattedrale

(Presiede il vescovo Corrado)

 

Inizio Anno Associativo 2012-2013

INCONTRO UNITARIO AC

 

“LA CHIESA BELLA DEL CONCILIO”

 

Memoria, tracce e riflessi a 50 anni

 
Ripartiamo dalla gioia che questa lunga estate ci ha donato nell’impegno, negli incontri e nel servizio a Cimacesta.
In quest’anno associativo ormai alle porte, tante sono le attenzioni da avere nel pensare ai nostri cammini e alle persone che incontreremo sulle strade che il Signore ci chiama a percorrere, e tanti sono i punti di riferimento da prendere in considerazione.
 
I cinquant’anni dall’apertura del Concilio Vaticano II e i venti dalla pubblicazione del Catechismo della Chiesa cattolica, che costituiscono per la nostra associazione un’occasione preziosa per rinnovare l’impegno ad educare alla fede e per andare sempre più alle radici del nostro credere e del nostro essere cristiani.
 
L’indizione dell’Anno della Fede, che vuole essere un «invito a un’autentica conversione al Signore, unico Salvatore del mondo», un invito che richiede una risposta consapevole e autentica per accogliere il dono della fede e per imparare giorno dopo giorno a professare, con la nostra vita, l’appartenenza al Signore Gesù e alla sua Chiesa.
La lettera pastorale “Accresci in noi la fede” del vescovo Corrado insieme agli Orientamenti pastorali nati dal Convegno diocesano.
 
Ripartiamo quindi per un anno che sarà certamente ricco per la nostra vita personale, l’intera associazione, i nostri gruppi, i nostri sacerdoti e le nostre attività. Un anno che ci chiama in modo particolare ad accogliere e a vivere il dono della comunione, che nasce da un atteggiamento di fiducia nella Chiesa, a partire dalle nostre parrocchie che tanto abbiamo a cuore.
Ripartiamo … insieme, certi che Lui non farà mancare la sua compagnia, che vale la pena “stare dietro” al Signore, che questo nostro fare strada riserverà ad ogni passo la sorpresa e lo stupore di una storia vissuta, di un volto sorridente o segnato dalla fatica, di una fraternità nuova.
 
Vi aspettiamo numerosi
 

SABATO 29 SETTEMBRE 2012
Vittorio Veneto, Seminario Vescovile

 
Fiduciosi nel Signore per il cammino che ci attende e certi dell’impegno a coinvolgere fin da questa prima tappa gli aderenti che vi sono affidati nella responsabilità, vi salutiamo caramente.

 
Diego e don Luigino
con tutta la presidenza
Vittorio Veneto, 21 settembre 2012

 
 
PROGRAMMA

    15.10 Arrivi ed accoglienza.
     
    15.30 Preghiera; Saluto e introduzione ai lavori con il vescovo Corrado.
     
    16.15 Relazione del prof. Vittorio Rapetti, gia’ Consigliere nazionale di Ac e delegato regionale del Piemonte-Valle d’Aosta; Dibattito; Conclusioni.
     
    18.00 Nella cappella del Seminario: S. Messa di ringraziamento per il 25° di don Luigino Zago, assistente unitario. Al termine momento conviviale per un brindisi augurale tutti insieme.

 
 

Anno Pastorale 2012-2013

CELEBRAZIONE DIOCESANA D’INIZIO ANNO PASTORALE

 

Venerdì 14 settembre 2012
Vittorio Veneto, in Cattedrale

 

7ª Giornata per la salvaguardia del Creato

 

“EDUCARE ALLA CUSTODIA DEL CREATO
PER SANARE LE FERITE DELLA TERRA”

(2ª edizione)

 
Moriago della Battaglia, sabato 1° settembre 2012
 
IL PROGRAMMA:

    15.00: ritrovo all’Isola dei Morti.
    15.30: visita guidata storico–naturalistica.
    17.00: poesie poeti locali e corale di Barbisano.
    18.00: intervento Consorzio di tutela del Prosecco.
    18.30: liturgia della Parola presieduta dal Vescovo Corrado.

 
In collaborazione con: Pastorale Sociale e del Lavoro e AGESCI. Saranno presenti il poeta LUCIANO CECCHINEL e l’associazione umanitaria ZIKOMO con prodotti equosolidali.
 
 

Convegno nazionale degli Insegnanti di AC

 
Nel prossimo anno associativo, in cui gli Orientamenti triennali dell’Associazione ci hanno sollecitato a programmare diverse iniziative sull’impegno educativo che da sempre caratterizza l’Azione Cattolica, ci è sembrato maturo il tempo di organizzare l’incontro tanto atteso di chi nell’Ac si occupa di educazione per professione.
 
Il primo Convegno nazionale degli Insegnanti di Ac si terrà domenica 14 ottobre 2012 presso la Domus Pacis a Roma. Sono invitati a partecipare gli insegnanti di Ac; i dirigenti scolastici di Ac; docenti simpatizzanti con sensibilità affine all’Ac con cui si condividono scelte professionali significative; docenti che frequentano ambienti ecclesiali, non di Ac, che avrebbero piacere di vivere un momento di formazione e confronto. A tutti i docenti di Ac, chiediamo di informare il Presidente dell’associazione diocesana della propria adesione all’iniziativa nazionale, comunicando cortesemente il nominativo di eventuali colleghi coinvolti. Il Convegno intende riferirsi all’auspicio contenuto nel numero 46 degli OP: Educare alla vita buona del Vangelo: La scuola ha il compito di trasmettere il patrimonio culturale elaborato nel passato, aiutare a leggere il presente, far acquisire le competenze per costruire il futuro, concorrere, mediante lo studio e la formazione di una coscienza critica, alla formazione del cittadino e alla crescita del senso del bene comune. La forte domanda di conoscenze e di capacità professionali e i rapidi cambiamenti economici e produttivi inducono spesso a promuovere un sistema efficiente più nel dare istruzioni sul “come fare” che sul senso delle scelte di vita e sul “chi essere”.
 

Come Associazione attenta a tutta la persona, a quei valori umani perenni che discendono dalla visione evangelica della vita, ci proponiamo di dare il nostro contributo per una scuola a misura degli alunni, e specialmente attenta alle esigenze degli ultimi, dunque sempre rispettosa della dignità dei singoli. In tal modo vorremmo aiutare l’istituzione scolastica a porsi, insieme agli altri soggetti implicati in questo processo formativo, al servizio della persona, diventando sempre più comunità educante in dialogo aperto e, al tempo stesso, critico con la realtà circostante.
 
Durante questo primo Convegno, in particolare, ci confronteremo sulla figura dell’insegnante nel momento storico attuale, offrendo e condividendo spunti sulla bellezza e sul valore del suo impegno educativo. L’insegnante educa innanzitutto attraverso la professionalità, che lo rende credibile e degno di stima prima di tutto nelle sue competenze. Il primo compito del docente è insegnare: se lo fa bene, cioè con puntualità, competenza, precisione, organizzazione, imparzialità, trasmette valori. Inoltre, mentre, da un lato, il Convegno solleciterà ad aprirsi sempre più ad una concezione di educazione come sistema, come un insieme di “luoghi” (famiglia, scuola, parrocchia, associazioni ecc.) in relazione, ciascuno dei quali porta un contributo specifico all’obiettivo comune, che è la maturazione umana integrale del ragazzo e del giovane, dall’altro intende ribadire la necessità di riappropriarsi, come società civile, della consapevolezza della centralità educativa della scuola.
 
Per predisporre l’accoglienza dei partecipanti, sotto è sono riportate, una prima indicazione del programma, le note tecniche e la scheda di iscrizione per ogni docente, con preghiera che direttamente i docenti e i dirigenti interessati, oppure tramite i Presidenti diocesani dell’Azione Cattolica, ce la facciano pervenire entro il 2 ottobre 2012 al seguente indirizzo: iscrizioni@azionecattolica.it. Oppure rivolgersi all’Ufficio Diocesano di Vittorio Veneto.
 
 
DOWNLOAD:

 
 

CampAnAC 2012

“Date voi stessi da mangiare”

 
L’estate, tempo di enorme valore per tutti, ci ha chiamati e ci chiama a vivere uno splendido
“tempo favorevole” fatto di volti, relazioni, incontri, storie ed esperienze significative che hanno segnato e segnano il nostro cammino.
 
La chiamata al servizio educativo ci porta a rinnovare sempre le nostre motivazioni, a verificare il nostro impegno e a condividere quei valori che fanno della nostra vita un vero inno di lode al Signore.
 
L’unicità del Tempo Estate Eccezionale trova espressione anche nell’annuale appuntamento del CampanAC, momento di sintesi tra i mesi estivi e l’inizio delle attività ordinarie delle parrocchie.
 
La preparazione al cammino annuale inizia a prender forma in queste giornate, durante le quali daremo spazio al nostro essere giovani, laici a servizio della Chiesa, responsabili di un compito educativo che ci è affidato, annotando quindi i vari appuntamenti associativi e accogliendo nuovi stimoli e nuovi slanci per l’anno che verrà.
 
La tua presenza sarà motivo di gioia per te e per tutti quelli che come te e con te vivono la bellezza dell’essere educatori, in parrocchia, in forania e in diocesi!!
 
Ti aspettiamo al CampanAC
 

da Venerdì 7 a Domenica 9 Settembre 2012
Casa Cimacesta, Auronzo

 
Emanuela e Ferruccio,
Eleonora e Stefano
Giulia e Stefano
con Don Luigino e Don Andrea

 
 
NOTE TECNICHE:

  • Per facilitare l’organizzazione e la preparazione della casa ti chiediamo di iscriverti al più presto, entro lunedì 3 settembre alle 18.00 presso l’Ufficio Diocesano AC tramite telefono: 0438/940374 o e-mail azionecattolica.vittorioveneto@cooppapaluciani5.191.it)
  • Per favorire la partecipazione di tutti, il contributo (non divisibile) chiesto per i due giorni di CampAnAC è di € 20.00
  • Ai presidenti e ai responsabili parrocchiali (adulti, giovani e ACR) l’invito a farsi snodo di comunicazione all’interno delle proprie realtà parrocchiali
  • Vi ricordiamo che questa proposta è rivolta a tutti gli educatori che hanno compiuto il 18esimo anno di età

 
 
PROGRAMMA:
 
Venerdì 7 Settembre

    18.30: Arrivi e sistemazione
    19.15: Vespri
    19.45: Cena
    21.15: Celebrazione di apertura e Condivisioni

Sabato 8 Settembre

    8.00: Santa Messa
    8.45: Colazione
    9.30: Inizio dei lavori: “LIBERI DI SCEGLIERE
    11.00: Tavola Rotonda con Mons. Corrado Pizziolo, vescovo di Vittorio Veneto
    13.00: Pranzo
    15.30: Attività a stand:”PER SCEGLIERE“. Lavoro di gruppo.
    18:00: Testimonianza e Sintesi Finale
    19.30: Cena
    21.00: Serata d’ In-Canto

Domenica 9 Settembre

    8.00: Lodi
    8.30: Colazione
    9.15: Responsabili Educativi di AC – Il cammino annuale: “SCELGO… DUNQUE SONO FELICE“. Conclusioni e comunicazioni
    11.30: Santa Messa
    13.00: Pranzo

 
 
DOWNLOAD: