VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

“Volete la pace?”

 
 
Volete la pace? Ebbene: «Quando vi sarà pace nel Pakistan, tutto ciò porterà pace anche nel resto del mondo». Paul Bhatti lotta una battaglia umanamente disperata. Nel suo paese molti non-mussulmani restano fortemente discriminati, persone continuano ad essere ingiustamente condannate in nome di Dio (grazie alla legge sulla blasfemia), un gran numero di organizzazioni terroristiche hanno nel Pakistan il loro punto di riferimento, gli estremisti islamici non cessano di eliminare persone scomode che vogliono cambiare il paese, e uno dei loro ultimi obbiettivi, il fratello Shabbaz Bhatti, era una vera e propria speranza per tutte le minoranze religiose e per tutti quelli che sognavano un futuro di pace.
Solo la fede può vedere una speranza in tutto questo. Una fede ricevuta in famiglia da genitori che, appena colpiti dalla perdita di un figlio incoraggiano Paul a non aver paura di continuare la strada tracciata dal fratello. La fede dei testimoni veri, che non cede di fronte a minacce o attentati, che spinge un uomo a lasciare la sua amata professione (medico), un luogo sicuro (l’Italia), un posto di prestigio, per andare a vivere in una casa blindata con una scorta di cinquanta soldati. In Pakistan solo questa fede spinge un uomo a diventare ministro per l’armonia nazionale (ovviamente va sottinteso: armonia tra islam e minoranze religiose).
Fede, certo, che da sola non basta a risolvere i problemi ma senza la quale, spesso non riusciamo a vedere alcuna soluzione. Il ministro infatti ci parla di suo fratello Shabbaz, il quale lottando fin da ragazzo, sopportando minacce e grandi sacrifici ha fondato l’A.P.M.A. (All Pakistan Minorities Alliance) la più importante associazione pakistana a sostegno delle minoranze religiose, ed ha salvato col suo coraggio innumerevoli vite. Ci parla dei tanti aiuti ed incoraggiamenti ricevuti dall’estero, dei passi fatti nel dialogo interreligioso, di un consiglio da lui voluto al quale vengono sottoposti i casi di blasfemia e che molte volte ha evitato la condanna a morte. Ci parla di molti “fratelli mussulmani” rimasti sorpresi dall’A.P.M.A di Shabbaz, che ha aiutato tantissimi poveri e bisognosi senza tener conto del loro credo.
A noi che spesso non vogliamo mostrarci cristiani per paura del giudizio e dell’opinione degli altri, i fratelli Bhatti testimoniano questo: non restare rinchiuso nel lamento, non scappare dalle difficoltà, abitare e lottare in questa terra che ci è stata affidata, immersa nella guerra, e vivere con fede vedendo proprio in questa terra un potenziale esempio di dialogo e di pace per tutto il mondo.
«Voglio che la mia vita, il mio carattere, le mie azioni parlino per me e dicano che sto seguendo Gesù Cristo». (Testamento di Shabbaz Bhatti)
 

 
di Mauro Polesello
29 settembre 2011