VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC

NEWS ACVV

Veglia associativa
Venerdì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nella chiesa di Tezze di Piave, con inizio alle 20.30, presieduta dal Vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana. Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano nei modi più diversi, ma il momento comune e più significativo resta la benedizione delle tessere durante la Santa Messa.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti di Conegliano e Vittorio Veneto
I presidenti parrocchiali e il coordinamento foraniale di Conegliano e Vittorio Veneto si incontrano con la presidenza diocesana martedì 11 dicembre, alle 20.30, nella parrocchia di San Rocco a Conegliano.

Convegno nazionale educatori
"Chiamati a scoprire il sapore" il tema del Convegno nazionale educatori Acr che si svolge a Roma dal 14 al 16 dicembre prossimi. Accompagnati da don Paolo Astolfo, assistente diocesano Acr, vi parteciperanno 5 educatori della nostra diocesi.

Minicampo invernale
"Sogna, vinci, scegli" il titolo del mini campo invernale per 18enni e giovani dai 19 ai 30 anni. Si svolge a Nebbiù, nella Casa Apina Bruno e Paola Mari da venerdì 28 a sabato 29 dicembre. E' una nuova opportunità per vivere insieme un momento di formazione e festa, anche alla luce del Sinodo appena concluso. Per info: Ufficio Ac 0438/940374; Mirko 349/0059503.

EVENTI

Sogna, Vivi, Scegli Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Tenere Insieme

 
 
È bello, da educatori, guardarsi indietro e scorgere nell’estate appena trascorsa l’esperienza di un camposcuola. A volte risulta difficile riuscire a cogliere in profondità la portata di un’occasione di questo tipo. Eh sì, perché di campiscuola ce ne sono molti e di vari tipi, di opportunità per passare bene un’estate è pieno il mondo, di occasioni nelle quali incontrare altri giovani a passare del tempo in compagnia ce ne sono a palate… Certamente, ma i campiscuola dell’Azione Cattolica hanno un ingrediente proprio: la capacità di “tenere insieme”.
Innanzitutto l’estate AC è intergenerazionale: si apre con le proposte per i ragazzi, continua verso giovanissimi, diciottenni e giovani, per raggiungere in piena consapevolezza anche adulti e famiglie. Un’unica estate, insomma, che tiene insieme le generazioni proponendo a ciascuna uno specifico per crescere e formarsi.
Crescita e formazione che l’Azione Cattolica non riduce al periodo estivo in sé stesso. I campi a casa Cimacesta sono possibili perché sostenuti e alimentati da un cammino associativo che nelle parrocchie dura tutto l’anno, a stretto contatto con giovani, educatori e ragazzi; i campi sono parte integrante e determinante di un percorso annuale, ma non lo possono sostituire né rimpiazzare, ma lo tengono insieme concentrando in pochi giorni i principali atteggiamenti che ogni aderente cerca di vivere nel quotidiano della propria comunità.
Lo stare insieme ad un campo, allora, acquista una connotazione fraterna nel senso più bello del termine: vive nel concreto quella vicinanza, tra sacerdoti, educatori, ragazzi e personale, che fa respirare a pieni polmoni la bellezza di una Chiesa vicina, in ascolto, madre amorevole e maestra paziente verso i più piccoli. È lo stare insieme di chi cammina, di chi desidera fare quella fatica per alzarsi un poco e riuscire ad incontrare Cristo da uomo.
La passione e il desiderio di vivere bene un campo non bastano per accorgersi di quanto sia significativa questa esperienza, è necessario sostenerla con un cammino specifico di formazione. Questo fine settimana, che chiude il ciclo di proposte estive dell’AC, vedrà ospiti a Casa Cimacesta più di cento educatori per il CampAnAC. A loro, che dedicano il proprio tempo al servizio educativo dei più piccoli, ma anche a coloro che animano gruppi di giovanissimi, giovani ed adulti, l’augurio di formarsi bene, per poter “tenere insieme” la propria vita e assaporare in pienezza il bello di crescere davanti a Gesù, dentro la sua Chiesa.

 
di Stefano Uliana
L’Azione, 11 settembre 2011