VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 24 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

La tradizionale settimana teologica di Camaldoli

caratterizza da sempre il percoso dei giovani universitari cattolici

 

 

Nella quiete della foresta aretina, a Camaldoli nel luogo simbolo della meditazione e della preghiera ma anche dell’impegno nel mondo, ancora una volta è salita, come fa dagli anni Trenta, la Fuci, la federazione Universitaria Cattolica Italiana, grazie alla grande intuizione di Giovanni Battista Montini, futuro Paolo VI. Prima del tradizionale appuntamento dal 25 al 30 luglio si sono tenuti gli esercizi Spirituali per universitari, sul tema «Voi cercate Gesù Nazareno» sul vangelo di Marco guidati da Matteo Ferrari OSB, monaco camaldolese.

 

Il sodalizio tra i padri camaldolesi e i fucini ha radici solide che affondano negli anni della temperie totalitaria e che si consolidarono nei decenni sempre con lo stesso stile e modalità di realizzazione: la fatica del pensare, la gioia della ricerca, il “rendere ragione della propria fede” al mondo. 

 

 Nei decenni generazioni di giovani fucini sono saliti a Camaldoli per confrontarsi con il pensiero dell’uomo ed ascoltare la Parola di Dio, attraverso la dimensione della preghiera, della liturgia monastica e della celebrazione della pasqua quotidiana nella celebrazione dell’Eucatestia.

 

Nel ventesimo anniversaio della morte di un grande assistente Don Agostino Bonivento della FUCI ( 1980- 1991), si è svolta la settimana teologica dal titolo «Mettimi come sigillo sul tuo cuore» (Ct 8,6) una esperienza che ha lasciato ricchi benefici interiori. La cura dei legami nell’epoca delle passioni tristi ha visto la partecipazione di oltre 100 studenti universitari da tutta Italia riuniti a Camaldoli.

 

La Settimana ha avuto inizio con le lezioni del biblista don Gianantonio Borgonovo, il quale, a partire da una sua traduzione del Cantico dei Cantici ha sviluppato un commento al libro. «L’amore cantato nel Cantico dei Cantici – ha affermato don Borgonovo – non è solo colto al principio, al momento iniziale della sua storia. L’amore è colto nella fedeltà piena e nel continuo ricominciare. Questa dinamica vale anche per la vita di fede di ciascuno di noi».

 

A condurre il secondo ciclo di lezioni sono stati i coniugi Claudio e Laura Gentili, fondatori del Centro di consulenza familiare Betania, i quali, partendo dalla loro esperienza personale, hanno affrontato questioni e tematiche inerenti alle relazioni affettive, di coppia e non solo. «Il Cantico dei Cantici può essere cantato all’interno del matrimonio, dopo anni di vita vissuta insieme. Il Cantico è immagine della realtà sponsale fra un uomo e una donna e della realtà sponsale fra Cristo e la sua Chiesa – hanno detto i due coniugi Gentili».
Ospite della Settimana è stato, inoltre, il regista Guido Chiesa, autore del film Io sono con te, che ha incontrato i partecipanti per rispondere alle loro domande sulle varie tematiche della pellicola cinematografica.

 

 

Il tutto si è svolto all’interno della cornice camaldolese e ai ritmi della comunità monastica, con la quale i fucini hanno condiviso i momenti liturgici.
«Riteniamo che in questi giorni – affermano i Presidenti Nazionali Francesca Simeoni e Alberto Ratti – i partecipanti si siano interrogati seriamente, grazie all’aiuto dei nostri relatori, sul tema delle relazioni e dei legami affettivi nel contesto odierno, a partire dalle suggestioni e dagli spunti rintracciabili nelle Sacre Scritture».

 
di Luca Rolandi
10 agosto 2011