VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2018
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031EC

NEWS ACVV

Incontro con la Parola per ragazzi dai 14 ai 16 anni
Per aiutare i giovanissimi, ragazzi dai 14 ai 16 anni, che abitualmente fanno un percorso di gruppo, ad accostarsi alla preghiera, si sono pensati alcuni incontri che prevedono la presentazione della proposta, l'ascolto della Parola, un tempo di riflessione personale e la condivisione. Il terzo ed ultimo incontro in calendario è sabato 13 gennaio a Francenigo, dalle 15.15 alle 17.15.

Incontro di riflessione etica
Domenica 14 gennaio, dalle 9.30 alle 12.00, a Motta di Livenza, nel patronato don Bosco, si svolge il secondo incontro del percorso etico rivolto a giovani ed adulti. "Bene comune e centralità della persona. L'apporto della Dottrina Sociale della Chiesa, per una economia ... di valore" il tema della giornata che sarà approfondito da don Andrea Forest, delegato per la Pastorale Sociale e del lavoro.

Orchestriamo la Pace
Per parlare e costruire la pace attraverso il linguaggio della musica e dell'arte, l'Azione Cattolica organizza per sabato 20 gennaio, alle ore 20.30, nel teatro nuovo di Sarmede lo spettacolo Orchestriamo la Pace, partendo dai contenuti del messaggio sulla Pace di Papa Francesco. L'invito è rivolto a tutti i giovani e gli adulti! Ingresso libero.

EVENTI

Orchestriamo la Pace Toniolo 100 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Referendum. Il 12-13 giugno a votare

 
 
Dopo la decisione della Corte di Cassazione di ammettere il quesito sul nucleare nonostante i recenti cambiamenti legislativi, la presidenza nazionale dell’Azione cattolica conferma il proprio invito ai soci e ai cittadini perché ci sia un’ampia partecipazione al referendum abrogativo del 12-13 giugno.
Come già detto in una precedente nota, l’Ac ritiene le tematiche al centro dei quattro quesiti estremamente importanti:

  • due richieste di abrogazione riguardano l’acqua, in particolare la partecipazione dei privati alla gestione del servizio idrico;
  • il quesito sul nucleare, dopo l’abrogazione da parte del Parlamento delle norme che prevedevano la realizzazione di nuove centrali, sarà in sostanza un pronunciamento sullo sviluppo di questa forma di energia;
  • ci si dovrà infine pronunciare sul legittimo impedimento, ovvero su quella normache permette al presidente del Consiglio e ai ministri di non partecipare ad udienze giudiziarie in cui sono imputati quando è provata la contemporanea presenza di impegni politici ed istituzionali.

L’Azione cattolica ha già avuto modo di dare un proprio contributo alla riflessione
pubblica, che in questa sede riassume così:

  • l’acqua non è solo un “bene”, ma un “dono” essenziale per la vita dell’uomo. Undono che va tutelato e garantito a tutti, che non può essere sottoposto alla legge del profitto senza rigorose, adeguate e sistematiche garanzie per i più deboli e per la collettività.
  • la tecnologia nucleare impatta un altro punto essenziale, la salute dell’uomo, per la quale non possono essere ammessi rischi di nessun tipo.
  • l’uguaglianza dei cittadini dinanzi alla legge è un principio costituzionale che richiede ampia ed efficace applicazione, specie in questa fase di forte disillusione politica – lo dimostra l’astensionismo alle recenti elezioni amministrative -.

In conclusione, l’Ac desidera invitare nuovamente ad un’ampia partecipazione al voto, e incoraggia tutti ad un intenso sforzo formativo e informativo.

 
Azione Cattolica Italiana
Roma, 4 giugno 2011