VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Sabato 18 Gennaio
gennaio 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC

NEWS ACVV

Consiglio diocesano
Alle date già stabilite in calendario si aggiunge un incontro del consiglio diocesano giovedì 9 gennaio 2020, alle 20.30, nell'oratorio di Lutrano. All'OdG l'approvazione del bilancio 2018/19.

Orchestriamo la Pace
Anche quest'anno l'Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace, giunto alla sua nona edizione, è sabato sera 11 gennaio 2020, nell'aula magna del Seminario a Vittorio Veneto.

Assemblee foraniali
Seconda tappa del percorso verso la XVII assemblea elettiva, nel mese di gennaio vengono eletti i cordinamenti foraniali. Queste le date fin qui stabilite: forania Sacilese venerdì 10 gennaio a Sacile; forania La Vallata, lunedì 13 gennaio a Valmareno; forania Opitergina, lunedì 13 gennaio ad Oderzo; forania La Colonna, lunedì 13 gennaio a Vazzola; forania Mottense, venerdì 17 gennaio, a Cessalto. Per tutti: inizio alle 20.30.

Percorso etico
Secondo incontro del percorso etico 2019/2020 "Abitare la vita. Dal concepimento alla morte naturale". L'appuntamento è ad Oderzo, sala del Campanile, giovedì 23 gennaio, ore 20.30. Sul tema: "Le buone pratiche di chi accoglie, cura e accompagna la vita" intervengono suor Carmelita Follador della Casa Mater Dei di Vittorio Veneto, Francesco Benazzi, direttore generale AULSS 2 Marca Trevigiana, Paola Paiusco, direttore UOC Cure Palliativa AULSS 2, Maria Eufrasia Valori, vice presidente ADVAR Treviso. Coordina Marco Zabotti, direttore scientifico Istituto Beato Toniolo. Le vie dei Santi.

EVENTI

Cammino Assembleare 2020 Orchestriamo la Pace 2020 Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Più Azione Cattolica, più Italia


 
C’è di più! C’è di più! Così cantavano all’incontro nazionale con papa Benedetto i ragazzi e i giovanissimi di Ac il 30 ottobre scorso a Roma in Piazza San Pietro.
E in Associazione c’è e si respira un di più anche di Italia, di identità nazionale e di amore per il Paese.
Questo lo si deve ad un ideale comune, liberamente scelto, e al legame che unisce Nord e Sud, Est e Ovest, che permette di sintonizzarsi con facilità e di creare e mantenere relazioni significative con persone e comunità sparse in tutta la penisola e nel mondo.
Basta scambiare qualche battuta e fare qualche telefonata.
“Qui si fa l’ l’Italia!” esclama Valentina Soncini, presidente diocesana di Milano, che l’estate scorsa a sorpresa ci ha fatto visita a Cimacesta, riferendosi al laboratorio dove si progetta e si elabora il testo formativo per gli adulti. L’equipe è infatti composta da responsabili di varie parti d’ Italia, che, in un clima fraterno, ogni anno pensano un sussidio semplice, ma rigoroso, diffuso poi in 30 mila copie e utilizzato in centinaia di gruppi.
Anche Rosanna Lombardi, presidente diocesana di Teggiano Policastro (Salerno), ci racconta che ha riflettuto con la sua associazione su “150 anni d’Unità d’Italia – Attese, criticità e futuro di un Paese unificato” e di fronte alle difficoltà anche di rapporto tra nord e sud, ribadisce che “è necessario non perdere la Speranza, ma guardare le zone di luce che ancora esistono e che i laici cattolici impegnati rappresentano, recuperando, attraverso la storia e il vissuto, i valori, la morale e quel sentire comune che ci hanno spinto ad essere italiani entro uno stesso confine”.
Vittorio Rapetti, già delegato regionale del Piemonte e della Valle d’Aosta, sottolinea come “la stessa struttura e dinamica interna dell’Associazione abbia contribuito a formare una coscienza democratica, nella pratica concreta della responsabilità e delle elezioni, ma anche nella consapevolezza delle diverse articolazioni territoriali”. E ritiene ancora profetico e profondamente evangelico quell’ approccio ad una “unità nella diversità”, che sul piano ecclesiale ha connesso i diversi livelli parrocchiale, diocesano, regionale, nazionale, mentre sul piano socio-politico ha evidenziato il valore dell’autonomie locali nel quadro dell’unità nazionale.

 
di Francesca Zabotti
L’Azione, 6 febbraio 2011