VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

settembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NEWS ACVV

Chiusura per ferie dell'Ufficio
L'ufficio diocesano di Azione Cattolica di Vittorio Veneto chiude per ferie dal 10 al 21 settembre. Riaprirà regolarmente lunedì 24 settembre.

Avvio del nuovo anno associativo
Per vivere insieme e nella gioia l’inizio dell’anno associativo, questi gli appuntamenti: venerdì 28 settembre alle 20.30, a Conegliano, nelle aule parrocchiali di Madonna delle Grazie, la presentazione dei cammini formativi di adulti, giovani e ragazzi. Sabato 6 ottobre dalle 17.30 a Pieve di Soligo, Patronato Careni: SPIRIT HAPPENING, Happening diocesano dei giovani. sabato 6 ottobre alle 20.30, auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo: Premio Giuseppe Toniolo III edizione. "Pace e cooperazione internazionale: il grande sogno di Giuseppe Toniolo, l'impegno quotidiano di uomini e donne di buona volontà". Domenica 7 ottobre alle 11.00, nel Duomo di Pieve di Soligo, solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S.Em. Mons. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Incontro di inizio anno del MSAC
Il Movimento studenti di Azione Cattolica è pronto per ripartire! Invitiamo tutti gli studenti che hanno a cuore la propria scuola e vogliono viverla in maniera attiva e propositiva all'incontro di inizio anno, sabato 22 settembre a Pieve di Soligo, Collegio Balbi, dalle 15.30 alle 17. Sarà un'occasione per conoscersi e far conoscere in modo divertente cos'è il MSAC, presentando anche le idee che abbiamo per il nuovo anno scolastico appena iniziato. Per info: Carlo 349/6927995; Federico 342/098697.

EVENTI

Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Pace: un dono e un impegno!


Nelle foranie l’ACR si appresta a vivere le Feste Foraniali per la Pace


 
“Vuoi la pace? SI’! Vuoi la guerra?NO!”.
Questa frase di un inno ACR, che qualche anno fa ascoltavo da bambina, mi è rimasta impressa nella mente.
L’ho ballato insieme ai miei animatori alle feste della Pace, l’ho cantato davanti ai genitori con gli amici e il messaggio di questa canzone pian piano è diventato mio; spesso infatti attraverso piccoli gesti è possibile gettare semi di pace e di speranza.
L’Azione Cattolica, consapevole del fatto che la nostra vita di cristiani è ricca di questi semi da coltivare, ogni anno aiuta i ragazzi e le loro famiglie a vivere con particolare intensità l’impegno ad essere costruttori di pace.
In quest’ottica la festa della Pace, ormai imminente nelle foranie, è un mezzo efficacissimo per imparare, vecchie e nuove generazioni insieme, a non accontentarsi dello sdegno e della pietà per le situazioni di povertà e sofferenza; bensì a prodigarsi per un mondo migliore.
Il mondo si cambia a partire dal proprio giardino, ecco allora la validità della proposta dei giochi all’interno della festa della Pace: ogni gioco contiene delle regole da rispettare. Esse aiutano i ragazzi a gestire l’aggressività, modello ormai imperante nella nostra società, trasformando lotte e conflitti in un’occasione di crescita e maturazione e permettendo di riflettere sui comportamenti messi in atto.
I ragazzi, accompagnati dagli educatori, possono così scoprire che in ognuno di noi c’è la possibilità di agire per il bene oppure per il suo esatto contrario: “Se soffi su una scintilla, si accende; se vi sputi sopra, si spegne; eppure ambedue le cose escono dalla tua bocca” (Siracide 28,12).
La pace in questo modo diventa gioco e riflessione.
Inoltre, sempre più nelle feste viene rilevata una partecipazione attiva da parte dei genitori che vogliono vivere la pace non solo come un dono ma anche come un impegno da vivere nel quotidiano e per questo cercano di confrontarsi in un clima di ascolto e dialogo. Se i genitori diventano più consapevoli di non essere da soli ad affrontare le problematiche legate alla violenza, alla morale, all’impegno civile riescono poi a trasmettere anche ai propri figli la fiducia e la speranza di un cambiamento possibile. Le feste della Pace non si concludono quindi il giorno stesso, ma sono una palestra per imparare a far sì che ogni giorno la pace si possa festeggiare!

 
di Giulia Diletta Ongaro
L’Azione, 30 gennaio 2011