VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno inizia l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno inizia un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Nennolina, una piccola santa

 
NennolinaLa storia dell’Azione Cattolica è segnata da una storia di santità, ricca di testimoni che hanno vissuto una vera vita cristiana all’interno dell’associazione. Tra questi c’è la piccola Nennolina, un’amica speciale per i ragazzi dell’ACR.
Antonietta Meo, detta Nennolina, nasce a Roma il 15 dicembre 1930, è una bambina allegra e vivace, a 4 anni viene iscritta alla sezione “Piccolissime” ed è felicissima di appartenere alla grande famiglia dell’ AC. Nel gennaio del ’36 viene ammessa a ricevere la prima comunione ma nella primavera dello stesso anno le viene scoperta una grave malattia: un osteosarcoma.
Il 25 Aprile 1936, Antonietta subisce l’amputazione della gamba sinistra, inizia così il suo cammino di sofferenza ma anche di una straordinaria esperienza di Dio. Nonostante l’operazione il male non l’abbandona e il 3 luglio 1937 muore accanto ai suoi genitori.
Raccontare la storia di una bambina vissuta solo fino all’età di sei anni può sembrare semplice e soprattutto breve, ma poi si scopre che l’esistenza di alcune persone non si misura dagli anni che hanno vissuto ma dallo spessore e dalla densità degli eventi che l’hanno caratterizzata.
Nennolina diventa così testimone per tutti i ragazzi dell’acr, di come il cammino di santità è di tutti anche dei più piccoli. Papa Benedetto XVI, parlando ai ragazzi dell’ ACR ha affermato infatti che “Nennolina in pochi anni ha raggiunto la vetta della perfezione cristiana che tutti siamo chiamati a scalare”. La sua esperienza di fede straordinaria mostra che anche i più piccoli, attraverso la preghiera e l’accostamento ai sacramenti possono intraprendere il loro cammino di santità, non sentendolo come lontano e solo degli adulti ma come possibile all’interno della loro vita quotidiana. Far conoscere la figura della piccola Nennolina diventa quindi tappa fondamentale per la formazione nei nostri ragazzi , per farli crescere sulla via della santità.

 
di Marta Tonetto
L’Azione, 8 maggio 2011