VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC

NEWS ACVV

"Anche Si....gnore" Smartbox spiritualità
L 'ultima settimana di novembre e la prima di dicembre vedono realizzarsi, nelle foranie, gli incontri di accostamento alla Parola del Signore per ragazzi di prima, seconda, terza superiore. Questo il calendario: venerdì 29 novembre, ore 20.30 nell'oratorio di Ponte della Priula per la forania La Colonna; sabato 30 novembre, ore 17.30 nell'oratorio di Gaiarine per la forania Pontebbana; domenica 1 dicembre,  dalle 15.00 alle 17.00 dalle suore Saveriane di Ceggia per la forania Torre di Mosto; sabato 14 dicembre, ore 17.00 nell'oratorio di Sacile per la forania Sacilese.

Work in progress
Per gli educatori ACR più giovani sono stati pensati degli incontri di formazione a livello locale. Queste la date del primo appuntamento: sabato 7 dicembre a Ceggia dalle 17 alle 18.30 per le foranie Mottense e Torre di Mosto; domenica 15 dicembre a San Polo di Piave dalle 9 alle 10.30 per la forania Pontebbana, con partecipazione alla Santa Messa a conclusione dell'incontro.

Veglia associativa diocesana
Sabato 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell'Immacolata, alle 20.30, nella chiesa parrocchiale di Colle Umberto, l'Azione Cattolica si ritrova in preghiera. "La casa di Maria", il filo conduttore della tradizionale veglia, che riconduce al verbo "abitare", tema associativo dell'anno.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata, l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano in molti modi diversi, ma è la benedizione delle tessere durante la Santa Messa il momento più significativo.

EVENTI

Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

L’AC e il IV Convegno Diocesano

 
 
Abita la terra. Vivi con fede”. E’ il titolo del percorso che condurrà al Convegno diocesano nel 2012.
Vivere la fede. Amare la vita”. Era il punto di partenza del cammino assembleare che ha portato l’Ac alla 14^ assemblea elettiva e che con gli orientamenti 2011-2014 ci accompagnerà per l’intero triennio.
Ci sono delle immediate assonanze tra questi cammini. Fede e vita innanzittutto. E insieme il guardare con passione e responsabilità a questo tempo e a questo luogo in cui “Dio ci ha messo” (Debrel), certi che questo è il terreno della nostra santificazione.
Ritengo però valga la pena cogliere anche il “di più” dell’opportunità che, da aderenti all’Ac e come Chiesa diocesana, il Convegno rappresenta.
Il camminare insieme per ritrovarci a Convegno è innanzitutto ripensare e rivivere ciò che ci è proprio come popolo di Dio: chiamati, radunati, convocati sono dei participi che spesso la Parola ci propone e che altrettanto spesso viviamo concretamente la domenica e in tanti momenti di gruppo, di liturgia, di festa, di formazione. Il vescovo, successore degli apostoli, guidato dallo Spirito, convoca questa nostra Chiesa che avrà l’occasione d’incontrarsi per condividere la sua bellezza e le sue fatiche, ma anche per guardare, con la Speranza di chi crede, al futuro di una fede da testimoniare e di una terra responsabilmente da abitare.
Il Convegno offre poi a noi laici, la gioia di condividere con il vescovo e con i nostri sacerdoti la corresponsabilità dell’annuncio del vangelo in questo presente della storia. Siamo ancora certi che ciò che rende ricca la nostra vita di fede e il nostro essere Chiesa è la presenza di quel Gesù Cristo che questa terra ha abitato e che per primo ci ha dato l’esempio di fedeltà alla volontà del Padre.
Dentro a questo cammino di fedeltà, vogliamo andare anche noi, sicuri che questo è per noi e per la nostra Chiesa un “tempo favorevole”. Magari non facile, ma di certo favorevole.
Come Azione Cattolica, a partire dalle nostre comunità, sentiamoci invitati, impegnati, coinvolti con Bartimeo: Alzati ti chiama! E tendiamo la mano a quanti, magari per stanchezza o pigrizia, ancora rimangono seduti.

 
di Diego Grando
L’Azione, 2 ottobre 2011