VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2017
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

NEWS ACVV

Veglia associativa
Giovedì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nel duomo di Oderzo, con inizio alle 20.30, presieduta dal vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana "Tutta bella sei, o Maria". Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

Solennità dell'Immacolata, giornata dell’Adesione
L'8 dicembre nelle associazioni parrocchiali si celebra la festa dell’Adesione, con la benedizione e la consegna delle tessere

Incontro con la Parola per ragazzi dai 14 ai 16 anni
Per aiutare i giovanissimi, ragazzi dai 14 ai 16 anni, che abitualmente fanno un percorso di gruppo, ad accostarsi alla preghiera, si sono pensati alcuni incontri che prevedono la presentazione della proposta, l'ascolto della Parola, un tempo di riflessione personale e la condivisione. Il prossimo in calendario è sabato 16 dicembre nelle sale parrocchiali di Moriago della Battaglia, dalle 15.15 alle 17.15.

Incontro diocesano con la Parola per 18enni
E' una proposta rivolta a tutti i 18enni (giovani nati nel 1998-99-2000) per aiutarli a vivere con più consapevolezza l'esperienza della preghiera. Guida l'incontro: don Paolo Astolfo. Ci si trova alla Foresteria dell'Abbazia di Follina domenica 17 dicembre alle 9.30; alle 11.30 la Santa Messa seguita dal pranzo al sacco, le conclusioni alle 17. Per informazioni ed iscrizioni: Ufficio diocesano 0438/940374.

EVENTI

Tempo Estate Eccezionale 2017 Toniolo 100 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

La Storia si fa Santa



Giovanni Paolo II e Giuseppe Toniolo saranno Beati

 

Giovanni Paolo II e Giuseppe Toniolo saranno proclamati beati il prossimo 1° maggio.

 
Giovanni Paolo II sarà proclamato beato il prossimo 1° maggio. Benedetto XVI ha autorizzato questa mattina la Congregazione delle cause dei santi a promulgare il Decreto sul miracolo attribuito all’intercessione di papa Giovanni Paolo II. Con questo atto si conclude l’iter che precede il Rito della beatificazione. «Com’è noto – informa la Santa Sede –, la causa, per dispensa pontificia, iniziò prima che fossero trascorsi i cinque anni dalla morte del Servo di Dio, richiesti dalla normativa vigente. Tale provvedimento fu sollecitato dall’imponente fama di santità goduta dal papa Giovanni Paolo II in vita, in morte e dopo morte. Per il resto furono osservate integralmente le comuni disposizioni canoniche riguardanti le cause di beatificazione e di canonizzazione». Tra il giugno 2005 e l’aprile 2007 furono celebrate l’inchiesta diocesana e quelle rogatoriali sulla vita, le virtù e la fama di santità e di miracoli di papa Wojtyla e nel giugno 2009, esaminata la relativa “Positio”, nove consultori teologi del Dicastero diedero il loro parere positivo in merito all’eroicità delle virtù. La promulgazione del relativo decreto venne autorizzata il 19 dicembre 2009 da Benedetto XVI.
 
Benedetto XVI ha firmato anche il Decreto sul miracolo attribuito all’intercessione del Venerabile Servo di Dio Giuseppe Toniolo, fondatore delle Settimane Sociali dei cattolici italiani, alla guida dell’Azione Cattolica nei primissimi anni del Novecento, tra i fondatori della Fuci, la Federazione degli universitari cattolici, e tra gli artefici dell’ingresso dei cattolici nella vita politica e sociale italiana.
Campane a festa, per più di un quarto d’ora, a Pieve di Soligo, in provincia di Treviso all’annuncio della beatificazione del primo sociologo ed economista cattolico di fama internazionale, sepolto nella chiesa arcipetrale della cittadina. «Ho le lacrime agli occhi, sono emozionatissimo» ha confida all’Agenzia Asca il parroco don Giuseppe Nadal, in quel momento in casa del miracolato dal Toniolo, l’imprenditore artigiano Francesco Bortolini. Il 5 giugno 2006 Bortolini cadde da una rete alla festa della birra nel suo paese di Barbisano, ricoverato in ospedale a Conegliano rimase a lungo in coma; i medici lo davano per spacciato. La sua famiglia e la parrocchia pregarono a lungo Toniolo, ponendo una reliquia del candidato alla beatificazione sotto il cuscino del paziente. «Non ho parole, sono troppo commosso» il commento del miracolato.
 
Leggi l’intero articolo sul sito nazionale…