VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

ISCRIZIONI CAMPI ESTATE 2019
sono aperte le iscrizioni ai campi per quanti, ragazzi, giovani ed adulti anche per i non iscritti all'Azione Cattolica, desiderano parteciparvi. Per info: Ufficio diocesano 0438/940374, sito www.acvittorioveneto.it.

Campi Estate 2019
Mercoledì 12 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero con bambini delle prime tre classi elementari (i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare; tutti saranno impegnati a scoprire la figura di Davide - cantautore di Dio. Venti sono le parrocchie di provenienza, nove gli educatori con Giulia Busiol capocampo, don Adriano Zanette assistente, Lorenzo Rizzi cuoco e Michela Pasini capicasa. Mercoledì 26 giugno prosegue l'estate a Casa Cimacesta con l'arrivo di 80 ragazzi di terza, quarta e quinta elementare provenienti da 19 parrocchie della diocesi. La figura che farà da filo conduttore alle attività di tutta la settimana sarà Davide, cantaudore di Dio. Nove gli educatori con don Mirco Miotto assistente, Fanny Mion capocasa e Franca Muner cuoca.

EVENTI

Festa Unitaria 2019 - Sapore di Sale Incontro Nazionale Adultissimi - Di Generazione In Generazione Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Il gruppo

 
Lo stare insieme è una delle grandi prerogative dell’Ac. Durante il campo, come in tutte le attività, la socializzazione e la comunicazione, l’appartenenza e la condivisione sono aspetti imprescindibili. Il gruppo, e tutto ciò che lo vede protagonista, è pensato e dedicato all’età dei ragazzi e al progetto educativo che li riguarda. Nello stare insieme in modo speciale ed essenziale ogni ragazzo ha l’opportunità di crescere nella sua unicità a contatto con gli altri, che non gli sono d’intralcio ma di sana spinta nella vita sociale. Il gruppo accompagna il singolo nella ricerca e scoperta del proprio posto dentro la comunità, così che la vocazione non sia una risposta muta alla chiamata di Dio, ma un donarsi con gioia nella condivisione dei propri doni. I ragazzi riconoscono negli occhi dei loro coetanei e dell’educatore un legame profondo, sentono di appartenere a qualcosa che necessita di essere valorizzato e curato, un’esperienza intensa che li porta ad identificarsi nel gruppo e nello stile associativo. L’esperienza di gruppo porta con sé un bagaglio che fiorisce nel viaggio: nel confronto e nella compagnia il ragazzo costruisce se stesso, nella disponibilità, gratuità e semplicità di un’amicizia sente il cuore dilatarsi.
 

 
di Chiara Marcandella
L’Azione, 17 luglio 2011