VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

settembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NEWS ACVV

Chiusura per ferie dell'Ufficio
L'ufficio diocesano di Azione Cattolica di Vittorio Veneto chiude per ferie dal 10 al 21 settembre. Riaprirà regolarmente lunedì 24 settembre.

Avvio del nuovo anno associativo
Per vivere insieme e nella gioia l’inizio dell’anno associativo, questi gli appuntamenti: venerdì 28 settembre alle 20.30, a Conegliano, nelle aule parrocchiali di Madonna delle Grazie, la presentazione dei cammini formativi di adulti, giovani e ragazzi. Sabato 6 ottobre dalle 17.30 a Pieve di Soligo, Patronato Careni: SPIRIT HAPPENING, Happening diocesano dei giovani. sabato 6 ottobre alle 20.30, auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo: Premio Giuseppe Toniolo III edizione. "Pace e cooperazione internazionale: il grande sogno di Giuseppe Toniolo, l'impegno quotidiano di uomini e donne di buona volontà". Domenica 7 ottobre alle 11.00, nel Duomo di Pieve di Soligo, solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S.Em. Mons. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Incontro di inizio anno del MSAC
Il Movimento studenti di Azione Cattolica è pronto per ripartire! Invitiamo tutti gli studenti che hanno a cuore la propria scuola e vogliono viverla in maniera attiva e propositiva all'incontro di inizio anno, sabato 22 settembre a Pieve di Soligo, Collegio Balbi, dalle 15.30 alle 17. Sarà un'occasione per conoscersi e far conoscere in modo divertente cos'è il MSAC, presentando anche le idee che abbiamo per il nuovo anno scolastico appena iniziato. Per info: Carlo 349/6927995; Federico 342/098697.

EVENTI

Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

GMG: “ricolmi di gioia ora ci aspetta la quotidianità!”

 
 
Mezzo di trasporto: autobus. Ore di viaggio: 24. Sole cocente. Caldo, troppo caldo. Voglia di acqua fresca, ma in mancanza d’altro ti accontenti pure di quel goccio d’acqua calda che è rimasto nello zaino. Meta: una distesa arida di sabbia ed erba secca a Cuatro Vientos, per dormire sotto una coperta di nubi di un inaspettato temporale estivo. No, questa non è l’ambientazione di un film d’avventura, bensì del nostro viaggio a Madrid, della tanto discussa, amata, chiacchierata ed ormai famosa GMG.
Sorge spontaneo chiedersi: “Perchè mai fare tutta questa fatica?” Cosa può spingere tanta gente a rinunciare alle vacanze comode al mare, a sacrificare del tempo per lo studio o semplicemente a impegnare una settimana dell’estate per partecipare a quest’evento?
Quando ci chiedevano dove saremmo andati in vacanza la risposta era molto superficiale: “Madrid!”. Troppi dettagli potevano essere imbarazzanti, la parola GMG era solo per gli addetti ai lavori. Forse nemmeno noi eravamo troppo convinti.
Eppure, una volta là, una gran quantità di colori, lingue e culture ci accoglie, ci abbraccia, e scatta la voglia di fare nuove conoscenze. Abbiamo avuto al nostro fianco compagni che hanno davvero fatto qualcosa per noi rinunciando ad un po’ d’acqua, aiutandoci coi bagagli, facendoci ridere e divertire. Ci siamo resi conto di aver vissuto un’avventura, una di quelle storie da raccontare, non perché ricche di tante belle parole, ma perché piene di gesti veri, senza dubbio sinceri. L’aver condiviso, o meglio “diviso con” gli altri queste giornate, dai momenti più euforici all’umido e ventoso silenzio della veglia, ci ha arricchito, ha dimezzato le nostre fatiche, ci ha fatto sorridere degli imprevisti e dato la forza di cantare a squarciagola durante la notte per placare la pioggia.
Da un viaggio si torna sempre cambiati e il nostro non è stato da meno. Anche se a volte ci siamo lasciati trasportare dalla folla, seguendo la nostra bandiera, senza avere abbastanza tempo per fermarci a riflettere, l’esperienza ormai ci appartiene e giorno per giorno la gustiamo sempre di più. Perché non basta esserci stati: questa è solo la partenza! Svuotati dalla fatica e riempiti di entusiasmo ora ci aspetta nella quotidianità un vento molto più forte di quello che ci ha sorpreso a Cuatro Vientos. Un vento spesso contrario ma allo stesso tempo stimolante, arricchente e capace di farci cogliere in pienezza la vita.

 
di Emanuele, Marta e Alessandra
1 settembre 2011