VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC

NEWS ACVV

"Anche Si....gnore" Smartbox spiritualità
L 'ultima settimana di novembre e la prima di dicembre vedono realizzarsi, nelle foranie, gli incontri di accostamento alla Parola del Signore per ragazzi di prima, seconda, terza superiore. Questo il calendario: venerdì 29 novembre, ore 20.30 nell'oratorio di Ponte della Priula per la forania La Colonna; sabato 30 novembre, ore 17.30 nell'oratorio di Gaiarine per la forania Pontebbana; domenica 1 dicembre,  dalle 15.00 alle 17.00 dalle suore Saveriane di Ceggia per la forania Torre di Mosto; sabato 14 dicembre, ore 17.00 nell'oratorio di Sacile per la forania Sacilese.

Work in progress
Per gli educatori ACR più giovani sono stati pensati degli incontri di formazione a livello locale. Queste la date del primo appuntamento: sabato 7 dicembre a Ceggia dalle 17 alle 18.30 per le foranie Mottense e Torre di Mosto; domenica 15 dicembre a San Polo di Piave dalle 9 alle 10.30 per la forania Pontebbana, con partecipazione alla Santa Messa a conclusione dell'incontro.

Veglia associativa diocesana
Sabato 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell'Immacolata, alle 20.30, nella chiesa parrocchiale di Colle Umberto, l'Azione Cattolica si ritrova in preghiera. "La casa di Maria", il filo conduttore della tradizionale veglia, che riconduce al verbo "abitare", tema associativo dell'anno.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata, l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano in molti modi diversi, ma è la benedizione delle tessere durante la Santa Messa il momento più significativo.

EVENTI

Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Giona, sei stato chiamato!

 
 
Si è concluso il primo campo a casa Cimacesta. Ad inaugurare la stagione estiva di campiscuola firmati AC, ci hanno pensato una sessantina di ragazzi di quarta e quinta elementare che sono partiti già nel pomeriggio dell’ultimo giorno di scuola.
Questi ragazzi si sono lasciati guidare da un personaggio un po’ particolare, un certo Giona, che nel corso delle giornate ha svelato ai piccoli compagni di viaggio qualcosa di sé… beh, vi chiederete cosa potrà mai raccontare un tipo così a dei ragazzi d’oggi, lui che è vissuto ben prima di Gesù!
Eppure ciò che avvicina Giona ai ragazzi, e in qualche misura anche a ciascuno di noi, non è il contesto storico, ma la sua umanità!
Giona conduceva la sua vita senza problemi e con soddisfazione: in fin dei conti non gli mancava nulla! Ma un giorno Dio stesso si fa avanti e lo chiama per nome, gli affida una missione, lo manda come profeta ad avvertire gli abitanti di Ninive perché si ravvedano dalla loro cattiva condotta. Giona però vuol fare di testa sua, le condizioni poste da Dio non gli piacciono e scappa, lontano, da Dio e da se stesso. Durante il viaggio fa un naufragio e viene inghiottito da un grosso pesce, per lui condanna e salvezza allo stesso tempo: in questa situazione non ha alternative se non ripensare alla sua vita e alle sue scelte. Per Giona, quei tre giorni di buio servono a capire il bene nascosto nella chiamata che Dio stesso gli aveva rivolto.
Anche oggi Dio chiama, lo fa con ciascuno di noi, chiama anche i ragazzi. Dio chiama per scelte di vita importanti come il matrimonio o il sacerdozio, ma anche per disponibilità ordinarie, magari attraverso qualche servizio in parrocchia. Dio chiama mettendoci accanto persone che ci aiutano a scegliere la cosa migliore, quando cerchiamo il bene con sincerità e non cediamo a logiche strumentali o a secondi fini.
Dio chiama sempre, solo che per rispondere ci vuole davvero coraggio! I ragazzi del campo hanno toccato con mano che chi risponde a Dio non rimane deluso e che vale la pena di sfidare con coraggio l’incertezza iniziale. Solo così ciascuno potrà sentire nel proprio cuore quella gioia vera che nasce da una vita autentica e vissuta in pienezza.

 
di Stefano Uliana
L’Azione, 19 giugno 2011