VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

settembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NEWS ACVV

Chiusura per ferie dell'Ufficio
L'ufficio diocesano di Azione Cattolica di Vittorio Veneto chiude per ferie dal 10 al 21 settembre. Riaprirà regolarmente lunedì 24 settembre.

Avvio del nuovo anno associativo
Per vivere insieme e nella gioia l’inizio dell’anno associativo, questi gli appuntamenti: venerdì 28 settembre alle 20.30, a Conegliano, nelle aule parrocchiali di Madonna delle Grazie, la presentazione dei cammini formativi di adulti, giovani e ragazzi. Sabato 6 ottobre dalle 17.30 a Pieve di Soligo, Patronato Careni: SPIRIT HAPPENING, Happening diocesano dei giovani. sabato 6 ottobre alle 20.30, auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo: Premio Giuseppe Toniolo III edizione. "Pace e cooperazione internazionale: il grande sogno di Giuseppe Toniolo, l'impegno quotidiano di uomini e donne di buona volontà". Domenica 7 ottobre alle 11.00, nel Duomo di Pieve di Soligo, solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S.Em. Mons. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Incontro di inizio anno del MSAC
Il Movimento studenti di Azione Cattolica è pronto per ripartire! Invitiamo tutti gli studenti che hanno a cuore la propria scuola e vogliono viverla in maniera attiva e propositiva all'incontro di inizio anno, sabato 22 settembre a Pieve di Soligo, Collegio Balbi, dalle 15.30 alle 17. Sarà un'occasione per conoscersi e far conoscere in modo divertente cos'è il MSAC, presentando anche le idee che abbiamo per il nuovo anno scolastico appena iniziato. Per info: Carlo 349/6927995; Federico 342/098697.

EVENTI

Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Esercizi del quotidiano: regalarsi del tempo

 
Che cos’ha la fede da offrirmi per dare senso alla mia esistenza? In che modo posso essere “luce”, “sale”, “lievito”? Come posso mostrare e annunciare la grande ricchezza valoriale, umana ed evangelica, di cui sono fatte le esperienze quotidiane dell’umanità di cui sono parte?
Sono alcune delle domande che ogni giorno ci interpellano e ci rendono partecipi dell’inquietudine del cuore e del bisogno di cercare, che coinvolge ogni persona che “pensi”.
E’ difficile cogliere tutta l’intensità e la fatica di una vita vissuta se non si ascolta l’esistenza nei suoi caratteri molteplici, dentro un mondo carico di sollecitazioni diverse, di ricchezze insondabili, di terribili povertà, di provocazioni, di domande… Eppure è solo a partire da questo ascolto che è possibile tenere insieme fede e vita; mostrare come il Vangelo sia “Parola” sulla vita, dentro l’esistenza delle persone e delle comunità, per la loro piena realizzazione.
Il vivere quotidiano è segnato da continue tensioni: un mondo che affascina, perché uscito dalle mani del Creatore e ne porta il sigillo e un mondo che non appaga perché non è ancora affatto pienezza… Un mondo in cui sarebbe doveroso assumersi delle responsabilità, perché ci appartiene ed è nostro ed un mondo che sconcerta perché molte scelte in esso sembrano portarlo inesorabilmente alla deriva… Un mondo nel quale è necessario vivere una rete di relazioni intense con tutti e, al tempo stesso, un mondo nel quale è doveroso conservare e custodire un’originalità, la propria originalità cristiana, per non annacquarla e sbiadirla…
Nello sperimentare tutto questo i discepoli del Signore hanno nel cuore la speranza che viene loro dal Risorto. Vivendo l’esistenza di ogni giorno nella prospettiva della Pasqua, essi scoprono e mostrano la parabola possibile di una vita salvata già da ora, cioè di una vita risorta, capace di immettere nelle pieghe oscure della storia umana, piccole/grandi luci che fanno intravedere la luce del Risorto già presente come salvezza dell’esistenza e della storia.
E’ questo l’ambizioso-prezioso contributo che gli esercizi spirituali “del quotidiano” offrono a tutti coloro che, preti e laici, intendono regalarsi del tempo, fra le svariate occupazioni della vita quotidiana, per pensare, pregare, meditare.

 
di Don Luigino Zago
L’Azione, domenica 13 marzo