VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC

NEWS ACVV

Veglia associativa
Venerdì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nella chiesa di Tezze di Piave, con inizio alle 20.30, presieduta dal Vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana. Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano nei modi più diversi, ma il momento comune e più significativo resta la benedizione delle tessere durante la Santa Messa.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti di Conegliano e Vittorio Veneto
I presidenti parrocchiali e il coordinamento foraniale di Conegliano e Vittorio Veneto si incontrano con la presidenza diocesana martedì 11 dicembre, alle 20.30, nella parrocchia di San Rocco a Conegliano.

Convegno nazionale educatori
"Chiamati a scoprire il sapore" il tema del Convegno nazionale educatori Acr che si svolge a Roma dal 14 al 16 dicembre prossimi. Accompagnati da don Paolo Astolfo, assistente diocesano Acr, vi parteciperanno 5 educatori della nostra diocesi.

Minicampo invernale
"Sogna, vinci, scegli" il titolo del mini campo invernale per 18enni e giovani dai 19 ai 30 anni. Si svolge a Nebbiù, nella Casa Apina Bruno e Paola Mari da venerdì 28 a sabato 29 dicembre. E' una nuova opportunità per vivere insieme un momento di formazione e festa, anche alla luce del Sinodo appena concluso. Per info: Ufficio Ac 0438/940374; Mirko 349/0059503.

EVENTI

Sogna, Vivi, Scegli Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Esercizi del quotidiano: regalarsi del tempo

 
Che cos’ha la fede da offrirmi per dare senso alla mia esistenza? In che modo posso essere “luce”, “sale”, “lievito”? Come posso mostrare e annunciare la grande ricchezza valoriale, umana ed evangelica, di cui sono fatte le esperienze quotidiane dell’umanità di cui sono parte?
Sono alcune delle domande che ogni giorno ci interpellano e ci rendono partecipi dell’inquietudine del cuore e del bisogno di cercare, che coinvolge ogni persona che “pensi”.
E’ difficile cogliere tutta l’intensità e la fatica di una vita vissuta se non si ascolta l’esistenza nei suoi caratteri molteplici, dentro un mondo carico di sollecitazioni diverse, di ricchezze insondabili, di terribili povertà, di provocazioni, di domande… Eppure è solo a partire da questo ascolto che è possibile tenere insieme fede e vita; mostrare come il Vangelo sia “Parola” sulla vita, dentro l’esistenza delle persone e delle comunità, per la loro piena realizzazione.
Il vivere quotidiano è segnato da continue tensioni: un mondo che affascina, perché uscito dalle mani del Creatore e ne porta il sigillo e un mondo che non appaga perché non è ancora affatto pienezza… Un mondo in cui sarebbe doveroso assumersi delle responsabilità, perché ci appartiene ed è nostro ed un mondo che sconcerta perché molte scelte in esso sembrano portarlo inesorabilmente alla deriva… Un mondo nel quale è necessario vivere una rete di relazioni intense con tutti e, al tempo stesso, un mondo nel quale è doveroso conservare e custodire un’originalità, la propria originalità cristiana, per non annacquarla e sbiadirla…
Nello sperimentare tutto questo i discepoli del Signore hanno nel cuore la speranza che viene loro dal Risorto. Vivendo l’esistenza di ogni giorno nella prospettiva della Pasqua, essi scoprono e mostrano la parabola possibile di una vita salvata già da ora, cioè di una vita risorta, capace di immettere nelle pieghe oscure della storia umana, piccole/grandi luci che fanno intravedere la luce del Risorto già presente come salvezza dell’esistenza e della storia.
E’ questo l’ambizioso-prezioso contributo che gli esercizi spirituali “del quotidiano” offrono a tutti coloro che, preti e laici, intendono regalarsi del tempo, fra le svariate occupazioni della vita quotidiana, per pensare, pregare, meditare.

 
di Don Luigino Zago
L’Azione, domenica 13 marzo