VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 24 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

L’EDUCAZIONE VIA DI DIALOGO E CONVIVENZA


Mercoledì 26 gennaio per parlare e costruire la pace


 
L’incontro del 26 gennaio a Sacile con mons. Pero Sudar, vescovo ausiliare di Sarajevo ci riporta in una terra martoriata che cerca di guardare al suo futuro con speranza. Con questa terra l’Azione cattolica diocesana e nazionale, da oltre un decennio, ha instaurato un particolare legame di amicizia, un vero e proprio gemellaggio con visite reciproche, incontri di scambio, campiscuola, aiuti per la ricostruzione…
La Gerusalemme dei Balcani, così è chiamata Sarajevo, perchè a poche centinaia di metri si trovano moschea, sinagoga e cattedrale cattolica. I Balcani, e in particolare la Bosnia Erzegovina con la sua capitale Sarajevo sono un incrocio di culture, popoli e religioni, un’area cruciale dove da moltissimo tempo si giocano sfide importanti per gli equilibri globali.
In Bosnia-Erzegovina da secoli convivono le fondamentali componenti del continente europeo, i rappresentanti dei suoi due polmoni, occidentale e orientale, e in più quello del mondo islamico. La gente e la vita quotidiana hanno costruito un tessuto multietnico, una caleidoscopica mescolanza umana dove l’oriente e l’occidente si sono toccati e contaminati, portando ciascuno qualcosa di comune all’altro, quale espressione della forza creativa umana.
La Bosnia dal 1945 al 1980 è rimasta nell’ambito della Iugoslavia di Tito, a cui viene riconosciuto il grande merito di aver riportato la pace interna e la riconciliazione, creandovi una repubblica federale di stampo socialista non dipendente da Mosca.
Dal 1980, anno della morte di Tito, sono riemerse antiche velleità nazionalistiche e spinte separatistiche sfociate nella guerra del 1992 (assedio di Sarajevo, eccidio di Sebrenica, morti e profughi) e conclusa con l’ accordo di Dayton del 1995 in base al quale la Bosnia Erzegovina risulta formata da due entità, la Federazione (BH, croato musulmana), 51% del territorio, e la ‘Republika Srpska’ (Rs, serba), 49%.
Le Scuole per l’ Europa.
Per opporsi agli scopi disumani della guerra e dal desiderio di far crescere il seme della pace sono state concepite e proposte dalla Chiesa cattolica le “Scuole per l’Europa”, chiamate così per due motivi fondamentali. Il primo per ricordare agli alunni, ma anche agli altri concittadini, a quale contesto appartiene e in quale senso deve tendere la Bosnia-Erzegovina.
Il secondo per promuovere la convivenza pacifica tra popoli, culture e religioni diverse in Bosnia-Erzegovina, affinché la fiamma della guerra in Europa non parta più da Sarajevo.
Queste scuole, delle quali è responsabile mons.Sudar, sono la risposta alla difficile domanda se e come sia possibile la convivenza dei diversi dopo la guerra. Creare luoghi in cui si cerca di accogliere tutti gli alunni nello stesso modo e con la stessa disponibilità testimonia la voglia di porre i segni che contrastano l’ideologia disumana della separazione.
L’ educazione, sfida comune in un’Europa unita nella diversità
Il motto dell’Unione Europea “Unità nella diversità” richiama e ribadisce che la pluralità strutturale non è un impedimento al costituirsi di una civiltà unitaria.
Favorire la conoscenza e l’incontro, moltiplicare gli spazi del dialogo a tutti i livelli, sono l’unica garanzia affinché si possa crescere nel rispetto e nell’amicizia reciproca anche con la complessa e variegata realtà dell’ Europa balcanica.
Le scuole per l’Europa sono un esempio ed un segno che questo è possibile, anche per il contesto italiano sempre più segnato da una pluralità di presenze sia in ambito sociale che scolastico.
L’educazione, come afferma il Rapporto all’Unesco, appare dunque come un mezzo prezioso ed indispensabile per raggiungere gli ideali di pace, libertà e giustizia sociale, poiché dovrà contribuire a generare un nuovo umanesimo che abbia una fondamentale componente etica e dia la dovuta importanza alla conoscenza e alla stima delle culture e dei valori spirituali delle varie religioni e civiltà.

 
di Francesca Zabotti
L’Azione, 23 gennaio 2011