VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa. Mercoledì 4 luglio al via il terzo campo per Casa Cimacesta. Ottantadue sono i ragazzi di prima e seconda media che vi partecipano, provenienti da venticinque diverse parrocchie della diocesi, nove gli educatori guidati dal capocampo Roberto Amadio e dall'assistente don Andrea Dal Cin, con Mariuccia Nardin capocasa e AnnaRita Barzan cuoca.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI


Diego Grando Presidente Diocesano
 

Diego Grando
nominato Presidente Diocesano dal Vescovo Corrado


 

Il vescovo Corrado, accogliendo l’indicazione emersa nella votazione del Consiglio diocesano dell’Azione Cattolica che si è tenuto a Cimavilla giovedì 10 marzo, ha nominato, venerdì 11 marzo, Diego Grando presidente dell’Azione Cattolica di Vittorio Veneto per il triennio 2011-2014.

 
 
Grazie Vescovo Corrado, che hai voluto prontamente rimettersi all’indicazione del Consiglio, nominando Diego Presidente Diocesano per questo nuovo triennio che è appena incominciato.
 
Grazie di cuore Diego. Grazie per il tuo prezioso “Si” alla richiesta di disponibilità che ti ha rivolto il Consiglio Diocesano, espressione dell’intera associazione. E grazie anche alla tua famiglia, a Francesca, a Pietro e Teresa, che ti accompagnano ogni giorno.
Siamo certi che tutti gli aderenti dell’Azione Cattolica, non mancheranno di sostenere con la preghiera il tuo servizio all’Azione Cattolica e alla Chiesa Diocesana.

 
 
Diego Grando è stato riconfermato presidente diocesano dell’Azione Cattolica di Vittorio Veneto. Lo ha nominato il vescovo mons. Corrado Pizziolo accogliendo la proposta del consiglio diocesano dell’ associazione riunitosi giovedì 10 marzo.
Diego Grando, 37 anni, agente di commercio, sposato con Francesca Meneghel, padre di Teresa e Pietro, continuerà così il suo servizio generoso iniziato vent’anni fa nella sua comunità parrocchiale di Codognè e che due anni fa lo aveva portato a succedere, alla guida dell’associazione, a Piergiorgio Eicher, mancato improvvisamente.
Pur consapevole dell’impegno e della responsabilità che questo incarico comporta Diego è sereno e fiducioso: “E’ un cammino che continua nella gioia di condividere nell’Azione Cattolica un servizio prezioso per le persone, per la Chiesa diocesana, per questo territorio, tra piazze e campanili, nella consapevolezza che vivere la fede è amare la vita.
Sono convinto che la testimonianza della nostra fede può e deve assumere, in AC, una indispensabile dimensione pubblica e anche a questo ci spinge il documento programmatico 2011-2014, approvato dall’assemblea dello scorso 27 febbraio.
E’ questa la risposta semplice, ma responsabile ad una quotidianità che reclama risposte concrete, e alla richiesta dei vescovi e della stessa società civile di una nuova generazione di laici impegnati.”
L’Ac vittoriese che conta oltre 3.500 tra ragazzi, giovani, adulti e anziani in una settantina di parrocchie, continua nel suo impegno educativo dentro alla nostra Chiesa diocesana e dentro a questo nostro territorio complesso e frammentato, a favore delle nuove generazioni impegnandosi in questo tempo a porre il bene comune come parte essenziale dei suoi cammini ordinari.

 
L’Azione, 20 marzo 2011