VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC

NEWS ACVV

Veglia associativa
Venerdì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nella chiesa di Tezze di Piave, con inizio alle 20.30, presieduta dal Vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana. Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano nei modi più diversi, ma il momento comune e più significativo resta la benedizione delle tessere durante la Santa Messa.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti di Conegliano e Vittorio Veneto
I presidenti parrocchiali e il coordinamento foraniale di Conegliano e Vittorio Veneto si incontrano con la presidenza diocesana martedì 11 dicembre, alle 20.30, nella parrocchia di San Rocco a Conegliano.

Convegno nazionale educatori
"Chiamati a scoprire il sapore" il tema del Convegno nazionale educatori Acr che si svolge a Roma dal 14 al 16 dicembre prossimi. Accompagnati da don Paolo Astolfo, assistente diocesano Acr, vi parteciperanno 5 educatori della nostra diocesi.

Minicampo invernale
"Sogna, vinci, scegli" il titolo del mini campo invernale per 18enni e giovani dai 19 ai 30 anni. Si svolge a Nebbiù, nella Casa Apina Bruno e Paola Mari da venerdì 28 a sabato 29 dicembre. E' una nuova opportunità per vivere insieme un momento di formazione e festa, anche alla luce del Sinodo appena concluso. Per info: Ufficio Ac 0438/940374; Mirko 349/0059503.

EVENTI

Sogna, Vivi, Scegli Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Datemi un punto d’appoggio

 
Quando in primavera ho invitato il mio gruppo di Giovanissimi al Camposcuola, ho cercato di trasmettere loro l’entusiasmo sperimentato quando l’avevo vissuto da animato. Non so se sono riuscito ad essere un testimone efficace, ma so che avranno fra poco modo di vivere le stesse emozioni, e questo mi rende estremamente felice. La continuità educativa che negli anni è stata garantita nei campiscuola diocesani dell’Azione Cattolica non è scontata, ma è un regalo dello Spirito che si rende presente attraverso la disponibilità di educatori, assistenti, responsabili.
È importantissimo che i ragazzi possano toccare con mano la bellezza di una settimana fitta di attività, emozioni, sorrisi, che con il passare del tempo diventeranno ricordi carissimi In questo tempo si spargono tanti semi di speranza, che poi fanno la fortuna di quelle aiuole che sono le nostre parrocchie. Ogni campo ha come filo conduttore una tematica, che viene smontata, analizzata, discussa e infine (almeno si spera) interiorizzata.
Quest’anno, nel Campo Giovanissimi, il tema è la libertà. L’argomento è talmente sconfinato che esaurirlo in otto giorni è pressoché impensabile. Però cercheremo di provocare e stimolare il più possibile gli animati a delle riflessioni, in primo luogo riguardo a loro stessi. Cosa rappresenta per me la libertà? Quanto sono libero e quanto mi faccio condizionare? Come si intreccia e interagisce la mia libertà con quella delle persone che mi circondano? Il compito che ci proponiamo noi educatori, con Don Michele e Stefano al timone, non è tanto fornire delle risposte preconfezionate e onnicomprensive, ma dare una chiave di lettura per imparare a leggere nella maniera giusta queste e altre domande che la vita propone e proporrà. Il mistero insondabile di un Dio che pur amandoci infinitamente ci dà la possibilità di sbagliare è una provocazione affascinante.
Gli animati che ci vengono affidati vivono un’età in cui le scelte cominciano a farsi impegnative e pesanti, è necessario che capiscano l’importanza di prendere le decisioni senza essere influenzati da falsi modelli. Vorremmo che fossero liberi di rendere la loro vita un capolavoro, dipingendola con i colori che desiderano, in armonia con quella di tutti i loro compagni di strada. Per spiccare il volo questi ragazzi hanno solo bisogno di una pista di decollo, il cui metodo di costruzione è stato brevettato in Galilea qualche anno fa. Mostriamo loro qual è il vero punto d’appoggio e solleveranno il mondo.
 

 
di Fabio Vettorello
L’Azione, 17 luglio 2011