VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC

NEWS ACVV

Veglia associativa
Venerdì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nella chiesa di Tezze di Piave, con inizio alle 20.30, presieduta dal Vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana. Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano nei modi più diversi, ma il momento comune e più significativo resta la benedizione delle tessere durante la Santa Messa.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti di Conegliano e Vittorio Veneto
I presidenti parrocchiali e il coordinamento foraniale di Conegliano e Vittorio Veneto si incontrano con la presidenza diocesana martedì 11 dicembre, alle 20.30, nella parrocchia di San Rocco a Conegliano.

Convegno nazionale educatori
"Chiamati a scoprire il sapore" il tema del Convegno nazionale educatori Acr che si svolge a Roma dal 14 al 16 dicembre prossimi. Accompagnati da don Paolo Astolfo, assistente diocesano Acr, vi parteciperanno 5 educatori della nostra diocesi.

Minicampo invernale
"Sogna, vinci, scegli" il titolo del mini campo invernale per 18enni e giovani dai 19 ai 30 anni. Si svolge a Nebbiù, nella Casa Apina Bruno e Paola Mari da venerdì 28 a sabato 29 dicembre. E' una nuova opportunità per vivere insieme un momento di formazione e festa, anche alla luce del Sinodo appena concluso. Per info: Ufficio Ac 0438/940374; Mirko 349/0059503.

EVENTI

Sogna, Vivi, Scegli Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Dateci il vostro aiuto…

 
 

“Possiamo essere nella pace e nella giustizia un’unica famiglia
e glorificare il nome di Dio in Pakistan”
(Shahbaz Bhatti)

 
 
Cari amici,
nell’incontro di qualche mese fa a Vittorio Veneto, mi avete data l’opportunità di presentare la figura di Shahbaz, mio fratello, martire cristiano dei nostri giorni. Egli, scegliendo di essere fedele a Gesù sopra ogni altra cosa, segna la strada che anch’io deve percorrere nel lavoro di carità e giustizia verso tutte le persone discriminate del Pakistan.
Ogni giorno, quando mi trovo ad Islamabad nel mio ufficio di Consigliere del Primo Ministro per le minoranze religiose, stanno davanti alla mia porta, nel corridoio e nel cortile decine di persone che mi chiedono di poter vivere con dignità.
Sono uomini e donne cristiane che hanno abbandonato i loro villaggi e città con la paura della persecuzione religiosa e domandano ora un aiuto economico, avendo perso il lavoro. Sono giovani che hanno rifiutato di frequentare le scuole islamiche, in quanto cattolici, ed ora non sono sostenuti da nessuno per continuare i loro studi superiori.
Sono ragazze che hanno trovato il coraggio di denunciare le violenze subite e che cercano un rifugio lontano dai loro violentatori. Sono bambini rimasti orfani e tanti cristiani che conoscono da sempre solo la sfortuna e la povertà.
Come posso non vedere Gesù negli occhi di questi fratelli?
Provo la quotidiana frustrazione di non riuscire a dare una risposta concreta a tutti i problemi che ho davanti e che sono diventati ormai parte della mia nuova vita in Pakistan.
Se troverete un minuto al giorno per pensare a noi fratelli cristiani pakistani, pregate il Signore che ci dia sempre il coraggio della testimonianza della fede. Se guardate all’umanità sofferente del mio travagliato Paese come al corpo insanguinato di Cristo, vi chiedo di darci il vostro aiuto.
Rivolgo a tutti voi il saluto della gratitudine e dell’amicizia cristiana, come fratelli della stessa famiglia.

 
Paul Jacob Bhatti
Islamabad, 17 luglio 2011