VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Sabato 19 Ottobre
ottobre 2019
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC

NEWS ACVV

Incontri con i Presidenti parrocchiali e i Coordinamenti foraniali
La Presidenza diocesana, per presentare il cammino assembleare che porterà l'Azione Cattolica al rinnovo delle responsabilità per il triennio 2020-2023, desidera incontrare i Presidenti Parrocchiali e i coordiamenti foraniali. Lunedì 14 ottobre, alle 20.30, ad Oderzo, nella sala sotto il campanile, sono attesi i presidenti parrocchiali e i coordinamenti foraniali di: Sacile, Mottense, Torre di Mosto, Opitergina e Pontebbana Venerdì 18 ottobre, alle 20.30, a Conegliano, nell'oratorio dell'immacola di Lourdes, sono attesi i presidenti parrocchiali e i coordinamenti foraniali di: La Vallata, Quartier del Piave, La Colonna, Conegliano, Vittorio Veneto e Pedemontana.

Lectio divina
Lunedì 21 ottobre, nella chiesa parrocchiale di Gaiarine, alle 20.30, don Andrea Dal Cin approfondirà, con una lectio divina, il tema dell'anno: "Lo avete fatto a me" (Mt 25,31-46).

EVENTI

ACRcinquanta Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Aderire è prendersi cura

 
Se guardiamo nel dizionario, alla voce “ADERIRE” ci vengono proposti due significati: “essere strettamente unito a qualcuno o qualcosa” e “accogliere con favore, appoggiare”.
In questi giorni siamo chiamati a fare una scelta di appartenenza, aderire all’Azione Cattolica non significa pagare una quota e ricevere una tessera. Quel pezzetto di cartoncino porta con sé l’essere strettamente uniti che deve contraddistinguere gli aderenti di AC. Unione che significa desiderio di accompagnare, dare forza, appoggiare ogni membro, ma anche appoggiare e condividere lo stile della proposta. Prendersi cura di ciascuno, perché nessuno vada perduto. Certo, tutto questo è possibile viverlo anche senza una tessera in mano. Ma quella tessera è l’impegno formale che ci prendiamo, avendola tra le mani non possiamo più nasconderci dietro agli impegni lavorativi, di studio, familiari. Con quel pezzo di carta diciamo “SI”, accetto di contribuire a sostenere anche materialmente questa famiglia, perché possa crescere e sia in grado di darmi tutti gli strumenti necessari per formarmi all’interno della comunità cristiana.
Aderendo all’AC, ci impegniamo a prenderci cura di chi ci viene affidato, non perché lo abbiamo scelto, ma semplicemente perché è parte della nostra stessa famiglia, ha detto il nostro stesso “SI”.

 
di Chiara Basei
L’Azione, 23 ottobre 2011

 
 
Vedi i dettagli del Tesseramento 2012