VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2019
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC

NEWS ACVV

Orchestriamo la Pace
Giunta all'ottava edizione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace è sabato 19 gennaio 2019 in patronato a Motta di Livenza. L'evento, che quest'anno si avvale della collaborazione con il Centro Studi La Pira, inizia alle ore 20.00 con un buffet aperto a tutti per proseguire poi con lo spettacolo musicale a partire dalle 21.00. Le esibizioni musicali e le forme artistiche presentate avranno come sfondo il tema del messaggio del Papa per la giornata mondiale per la Pace “La buona politica al servizio della pace". Ingresso libero.

Feste della Pace
A conclusione del Mese della Pace, vengono organizzate le feste foraniali per la Pace. Questo il calendario: domenica 20 gennaio: a Campodipietra per Mottense - Torre di Mosto e a Cordignano per Pedemontana. Sabato 26 gennaio a Vazzola per La Colonna. Domenica 27 gennaio a Sacile per Sacilese e a Piavon per Opitergina. Domenica 10 febbraio a Gaiarine per Pontebbana. Durante le feste verrà proposta l'iniziativa "Abbiamo riso per una cosa seria" che sostiene progetti che promuovono l'agricoltura familiare dei contadini del nord e del sud del mondo, contro lo sfruttamento del lavoro e del territorio. Ci saranno a disposizione delle confezioni sottovuoto di riso da 500 grammi.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti della forania Opitergina
I presidenti parrocchiali e il coordinamento della forania Opitergina si incontrano con la presidenza diocesana giovedì 31 gennaio, alle 20.30, nella parrocchia di Lutrano, sale dell'oratorio.

EVENTI

Incontro Presidenti Parrocchiali Triveneto OrchestriAmo La Pace 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Aderire, quanti perché…

 
E’ questo il tempo di rinnovo dell’adesione per coloro che fanno parte dell’Azione Cattolica. Cosa c’è dietro questa piccola ma significativa scelta? Lo abbiamo chiesto ad Anna e Sandro, giovane coppia di sposi, e a Luca, presidente parrocchiale di Vazzola.
 
Anna e Sandro, quest’anno aderite per la prima volta come una famiglia. Cosa vuol dire questo per voi?


La scelta di aderire per la prima volta come sposi nasce innanzitutto dal desiderio di proseguire il percorso intrapreso in questi anni da “singoli”. Aderendo, scegliamo di condividere con altri il nostro cammino di coppia, cogliendo le occasioni di formazione, confronto e amicizia fraterna che l’associazione propone. Infine, aderire significa chiedere all’associazione di essere attenta al bisogno di formazione che le persone delle diverse fasce di età portano con sé.
 
Voi vi siete conosciuti anche all’interno dell’associazione. Quanto è stato importante questa nel vostro cammino di coppia?
Esserci conosciuti anche all’interno dell’Azione cattolica non ha influito di per sé sulle nostre scelte. Piuttosto, ad avere un ruolo importante è stato il cammino che in essa abbiamo fatto prima personalmente, poi da fidanzati, vivendo l’associazione nella dimensione del servizio e della condivisione. Questo ha contribuito a dare forma ad atteggiamenti e bisogni che hanno caratterizzato il nostro cammino di coppia di fidanzati e, oggi, di neo-sposi.
 
Luca, com’è cambiata negli anni la tua adesione all’associazione?
L’associazione, nell’arco della vita, mi ha aiutato a crescere notevolmente, sia sotto l’aspetto umano che sotto l’aspetto spirituale. Mi ha guidato a guardare le cose e gli avvenimenti quotidiani con un occhio diverso: quello della fraternità e della corresponsabilità. Uno scossone e un maggior desiderio di appartenenza l’ho avuto dal momento in cui sono stato “chiamato” ad essere, prima, presidente parrocchiale di Mansuè, poi, responsabile giovani diocesano. Oggi sono presidente parrocchiale di Vazzola – mi sono trasferito qui dopo il matrimonio – e non aderisco all’associazione perché investito dalla responsabilità, ma per il desiderio di testimoniare quanto di bello da essa ho ricevuto.
 
L’associazione, essendo fatta da persone, cambia nel tempo. C’è qualcosa che rimpiangi del passato o qualcosa di nuovo oggi che ti piace particolarmente?
Del passato non rimpiango nulla, anzi se dovessi tornare indietro rifarei tutto quello che ho fatto. Quello che mi piace dell’associazione è che sa essere al passo con i tempi, senza però banalizzare o “abbassare il tiro” sulle proposte e sui cammini formativi.
 
Perché consigliereste a un giovane, oggi, di aderire?
Consiglieremo ad un giovane di aderire per avere un segno concreto di appartenenza alla chiesa parrocchiale, diocesana e italiana. L’Azione Cattolica ha le potenzialità per aiutare il giovane a coltivare i suoi desideri, le domande forti che si porta dentro.
 
Aderire all’Azione Cattolica significa condividere un modo di essere Chiesa, significa credere alle potenzialità del laico nella Chiesa, intesa sia come parrocchia e diocesi, ma anche come il luogo in cui ciascun cristiano vive e opera quotidianamente: l’ambiente di lavoro, la famiglia, la scuola, il campo sportivo… L’AC sa offrire dei buoni cammini formativi che spaziano a 360° senza perdere di vista l’obiettivo più importante: la vocazione alla santità.

 
di Alessandro Corazza
L’Azione, 11 dicembre 2011