VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC

NEWS ACVV

Veglia associativa
Venerdì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nella chiesa di Tezze di Piave, con inizio alle 20.30, presieduta dal Vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana. Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano nei modi più diversi, ma il momento comune e più significativo resta la benedizione delle tessere durante la Santa Messa.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti di Conegliano e Vittorio Veneto
I presidenti parrocchiali e il coordinamento foraniale di Conegliano e Vittorio Veneto si incontrano con la presidenza diocesana martedì 11 dicembre, alle 20.30, nella parrocchia di San Rocco a Conegliano.

Convegno nazionale educatori
"Chiamati a scoprire il sapore" il tema del Convegno nazionale educatori Acr che si svolge a Roma dal 14 al 16 dicembre prossimi. Accompagnati da don Paolo Astolfo, assistente diocesano Acr, vi parteciperanno 5 educatori della nostra diocesi.

Minicampo invernale
"Sogna, vinci, scegli" il titolo del mini campo invernale per 18enni e giovani dai 19 ai 30 anni. Si svolge a Nebbiù, nella Casa Apina Bruno e Paola Mari da venerdì 28 a sabato 29 dicembre. E' una nuova opportunità per vivere insieme un momento di formazione e festa, anche alla luce del Sinodo appena concluso. Per info: Ufficio Ac 0438/940374; Mirko 349/0059503.

EVENTI

Sogna, Vivi, Scegli Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

AC e giovani bosniaci insieme a Cimacesta

 
In seguito agli incontri con il vescovo ausiliare di Sarajevo, mons. Pero Sudar, intervenuto anche in occasione del mese della Pace e per continuare un rapporto di amicizia e collaborazione che da alcuni anni si è instaurato con Teslic, dal 18 al 24 agosto a Cimacesta, hanno partecipato ad un camposcuola cinque giovani bosniaci accompagnati da un sacerdote e da un’insegnante che era anche l’interprete del gruppo.
 

Crescere fino alla semplicità

 
 
Siamo arrivati al campo dell’Azione Cattolica con tanta curiosità e con la speranza di conoscere qualche cosa che ci sia d’aiuto nei progetti che abbiamo per il nostro paese, ma anche per noi stessi. Come ci siamo trovati, cosa abbiamo imparato, cosa abbiamo vissuto lo dicono le parole dei partecipanti del nostro gruppo. Siamo arrivati in sette: don Vlatko Rosić, responsabile per i giovani e direttore della scuola Cattolica a Tuzla, gli studenti del quarto e del quinto anno dell’Università Cattolica di Teologia a Sarajevo: Aleksandar Kovačević, Marijana Biljaka, Božana Komšić, Ivan Sović, Ivan Karača, ed io Zorica Maros, loro insegnante di Teologia morale.
 
„Penso che il campo dell’AC sia una buona occasione per far conoscere ai giovani, che vivono il travaglio del relativismo odierno, i veri valori perché li possano promuovere nella loro comunità, realizzando il fine della missione di Gesù: vivere la fede nella quotidianità. Noi, giovani cattolici della Bosnia, pur avendo campi giovani simili a questo, possiamo imparare molto da questa esperienza, sopprattuto dal metodo dil lavoro che è semplice ma nello stesso tempo molto profondo“. (di don Vlatko Rosić)
 
„Oggi molti giovani cercano il senso della vita in un modo sbagliato. Viviamo nel tempo in cui si offre tanto ma si dona poco. L’unico valore nella nostra vita è stare con Gesù. Quando Lui è al primo posto, tutto raggiunge il vero senso. Penso che attraverso il campo dell’AC ogni giovane possa trovare se stesso e scoprire la ricchezza del vivere. Mi piaccerebbe rimanere in contatto con loro“ Aleksandar Kovačević.
„La permanenza in questo campo la vorrei descrivere solo con due parole: la ricchezza e la generosità. La ricchezza perché è una nuova esperienza e un nuovo metodo nell’educazione, generosità perché siamo stati accolti con molto calore. Mi sono sentito a casa e ringrazio a tutti, sperando di vederci ancora“.
(di Ivan Karača)
 
„La ragione per la quale sono arrivata in questo campo era, innanzitutto, il desiderio di conoscere il metodo usato dagli animatori per essere aiutata nel lavorare con i giovani nel mio paese. Sono infatti animatrice già da cinque anni.Questa esperienza mi ha motivato alla responsabiltà nell’educare. Sono incantata dal vostro metodo e dalla serietà dei ragazzi, e sono grata per aver avuto la possibiltà di partecipare a questo campo dell’AC“. (di Božana Komšić)
 
„Sono venuta in questo campo, per conoscere i compiti dell’AC. Sono proprio colpita per il lavoro dei animatori. Mi rende felice aver conosciuto molti giovani uniti attorno allo stesso fine, nostro Signore Gesù Cristo“. (di Marijana Biljaka)
 
„Ciò che mi ha colpito in modo particolare è la vivacità dei ragazzi e la loro disponibilità al sacrificio, a stare lontano dai familiari per costruire la propria personalità e testimoniare i valori cristiani nel mondo odierno“. (di Ivan Sović)
 
Queste sono le riflessioni dei partecipanti. Per quanto riguarda me stessa, sinceramente mi mancano le parole per esprimere ciò che ho vissuto qui. Tutto era cosi denso, così forte e vero che ho paura di esagerare sia nel dire troppo che nel dire poco. In questo campo ci si prova lo spirito della comunità, dell’amicizia, dell’accoglienza e della semplicità. Mi vengono in mente le parole dette dal grande scrittore russo, Gogol, che, oserei dire, riassumono ciò che Gesù insegna e soprattutto ciò che si aspetta da noi: „Bisogna crescere fino alla semplicità“!

 
di Zorica Maros
L’Azione, 4 settembre 2011