VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno inizia l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno inizia un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

1998: incontro il Papa

 
Tra le tante cose che uno pensa possano succedere nella propria vita, immagina di certo fatti straordinari e pensa che forse non accadranno mai… poi invece, quando avvengono, bisogna far molta attenzione nell’affidar loro il giusto valore.
Avere la possibilità di incontrare il Papa di persona, è una cosa senz’altro straordinaria.
Quando avevo undici anni l’animatrice in parrocchia mi ha detto: “Sai, ogni anno i ragazzi dell’ACR portano gli auguri di Natale al Papa, quest’anno vai tu?!” All’inizio la cosa mi ha spaventato un po’: “Io dal Papa? Ma non conosco nessuno!”… poi qualche consiglio da mamma e papà, un pizzico di coraggio e… mi son fidato!
Devo ammettere che capire l’unicità di quel incontro con Giovanni Paolo II non è stato così automatico. Se nell’immediato ha suscitato una grande emozione, ha anche piantato dentro di me un germe che non conoscevo… giorno dopo giorno, anno dopo anno, si è radicato nella mia vita, ha scombussolato alcune scelte, ne ha stimolate altre, tutte segnate da quel breve ma intenso incontro, incompreso e inaspettato ma accolto e vissuto.
Oggi quel germe continua a segnare in profondità il mio vivere la fede, con un po’ di consapevolezza in più, forse, ma anche con tanto rispetto per quel dono grande che è la Chiesa..

 
di Stefano Uliana
L’Azione, 10 aprile 2011