VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

ISCRIZIONI CAMPI ESTATE 2019
Sono aperte le iscrizioni ai campi per i ragazzi e i giovani iscritti all'Azione Cattolica. Vi attendiamo, nel desiderio di accogliere al meglio ogni richiesta di partecipazione ai campi, perché questo è l'obiettivo del Tempo Estate Eccezionale!

A Susegana adorazione eucaristica nella notte del Giovedì santo
Anche quest’anno l’Azione Cattolica di Susegana e Crevada propone l’Adorazione Eucaristica notturna, dopo la Messa del giovedì Santo, 18 aprile, nella chiesa di Susegana, dalle ore 22 alle 7 del mattino successivo. Il tema “Dio chiama chi ama..." aiuterà ad approfondire diversi episodi del Vangelo, in particolare alcune chiamate fatte da Gesù. Spunti e riflessioni sono proposti dai giovani.

Si riapre Casa Cimacesta
Al via, nei weekend 25-26 maggio e 1-2 giugno a Cimacesta, gli interventi per riaprire la Casa dell’Azione Cattolica diocesana. Chiunque volesse rendersi disponibile lo comunichi in ufficio. tel 0438.940374 o e-mail: segreteria@acvittorioveneto.it. Grazie.

EVENTI

Festa Unitaria 2019 - Sapore di Sale Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

“Gmg, un dono prezioso
che dà speranza per futuro Chiesa”

 
 
“Ringrazio Dio per questo dono prezioso, che dà speranza per il futuro della Chiesa”. Con queste parole, Benedetto XVI ha parlato oggi nell’udienza generale a Castel Gandolfo dei giorni trascorsi a Madrid per la 26/a Giornata Mondiale della Gioventù. Il Papa ha definito quelli di Madrid “giorni straordinari”: “un evento ecclesiale emozionante, con circa due milioni di giovani da tutti i continenti che hanno vissuto una formidabile esperienza di fraternità, l’incontro con il Signore, una vera cascata di luce”.
 
Il Pontefice ha ringraziato quanti hanno lavorato per l’organizzazione della Gmg e ha espresso “riconoscenza” alle autorità e alle istituzioni spagnole. “Non posso dimenticare – ha sottolineato – la calorosa accoglienza che ho ricevuto dalle loro maestà, i reali di Spagna, come pure da tutto il paese”.
 
Ha quindi ricordato i vari momenti della Gmg, dal suo primo giorno nella capitale spagnola (“ho in mente l’entusiasmo incontenibile con cui i giovani mi hanno ricevuto nella Plaza de Cibeles”), agli incontri all’Escorial con le giovani religiose e i docenti universitari, dalla Via Cucis alla messa nella cattedrale madrilena della Almudena con i giovani seminaristi (“auspico che crescano le vocazioni al sacerdozio, e sono certo che anche a Madrid il Signore ha bussato alla porta del cuore di molti giovani perché lo seguano con generosità nella missione sacerdotale o nella vita religiosa”), fino alla veglia di preghiera e alla messa conclusiva nella spianata di Cuatro Vientos.
 
“Ho lasciato il Paese portando nel cuore questi giorni come un grande dono”, ha detto ancora il Pontefice. Secondo Benedetto XVI, “l’incontro di Madrid è stata una stupenda manifestazione della fede, per la Spagna, per il mondo e per noi tutti”. “Per la moltitudine di giovani provenienti da ogni angolo della terra – ha aggiunto – è stata un’occasione speciale per riflettere, dialogare, scambiarsi positive esperienze, e soprattutto pregare insieme e rinnovare l’impegno di radicare la propria vita in Cristo, amico fedele”.
 
“Sono certo che sono tornati alle loro case con il fermo proposito di essere lievito nella massa, portando la speranza che nasce dalla fede – ha concluso il Papa -. Da parte mia continuo ad accompagnarli con la preghiera affinché rimangano fedeli agli impegni assunti”.
 
Al termine dell’udienza Benedetto XVI ha annunciato i temi delle prossime Gmg. “Quella dell’anno prossimo, che si svolgerà nelle singole diocesi – ha detto il Papa -, avrà come motto ‘Siete sempre lieti nel Signorè, tratto dalla Lettera ai Filippesi”. “Mentre nella Giornata mondiale della Gioventù del 2013 a Rio di Janeiro – ha proseguito – il motto sarà il mandato di Gesù, ‘Andate e fate discepoli tutti i popolì”.
 
“Fin d’ora – ha aggiunto il Pontefice – affido alla preghiera di tutti la preparazione di questi appuntamenti molto importanti”.

 
Udienza Generale di Benedetto XIV
Avvenire, 24 agosto 2011

 
 

“Vivere la fede, amare la vita è l’impegno che l’Azione Cattolica sceglie di assumere oggi con coraggio e forza, nella certezza che solo una fede autentica è capace di cambiare la vita, solo una fede vissuta pienamente può orientare scelte di bene per la Chiesa e per il Paese.
È questo il momento favorevole! (…) Tempo propizio per poter testimoniare con gioia e raccontare insieme la buona notizia del Vangelo e per spendersi nel mondo a servizio del bene comune”.
(dagli Orientamenti per il triennio 2011-2014)
 
Carissimo/a,
chissà per quale strada la Provvidenza ti ha chiamato ad “essere e diventare” Responsabile in Azione Cattolica!
 
Dopo la XIV Assemblea in tanti ci troviamo a condividere questa strada di Corresponsabilità.
Consapevoli che la qualità della vita associativa nella nostra diocesi e nelle nostre parrocchie dipende dalla nostra partecipazione, dal nostro impegno, dal nostro cammino personale di formazione e dalla nostra capacità di “contagiare”, siamo certi che “è questo il tempo favorevole”. Tempo per scoprirci strumenti mediante i quali il Signore sceglie di arrivare ai tanti aderenti della nostra associazione. Tempo di prendere coscienza del valore di questo nostro servizio e della responsabilità che rende speciale questa “Chiamata”.
 
Ti invitiamo a vivere e condividere insieme due giorni, da venerdì 2 a domenica 4 settembre, partendo da questo tema:
 

Battezzati Responsabili nella Chiesa, in Ac e nel mondo

 
Sentiamo importante, in questo anno d’inizio triennio, rivolgere l’invito a ciascun responsabile per condividere fin da subito la gioia di camminare e servire insieme.
 
Ai presidenti parrocchiali e ai coordinatori foraniali chiediamo l’impegno di coinvolgere i responsabili dei settori e dell’Acr certi che la condivisione di queste giornate è, per le associazioni parrocchiali e i coordinamenti, un momento particolarmente significativo di studio e d’incontro.
 
Ti aspettimo!

 
Fraternamente
Diego e don Luigino
16 agosto 2011

 
 
Vedi la pagina del Weekeend Responsabili
 

Buona GMG !!!

 
 
Ai voi Giovani che partite per Madrid, un saluto e un particolare ricordo nella preghiera di tutta l’Ac diocesana.

Siamo certi che quanto vivrete in questo viaggio-pellegrinaggio-evento porterà frutti nella vostra vita e in quella della nostra Chiesa diocesana.

Vi auguro di sperimentare in questi giorni la Gioia e la Bellezza dell’essere Chiesa, colorata dall’incontro di persone diverse che si sentono amate e chiamate continuamente ad un “amore più grande”. Guardate e gustate questa “misura alta” nelle figure di santità proposte e nei tanti amici che con voi vivono questo tratto di strada. Non accontentatevi di una vita da “sufficiente”, da persone che “non fanno niente di male”, ma seguite e lasciatevi accompagnare dalle persone che vi spingono a “fare il Bene”, che vi provocano a cercare, progettare, conquistare la Felicità vera e piena. A volte questa passa per incomprensioni, solitudine, scelte sofferte, di certo come diceva Giovanni Paolo II il nostro diventare pienamente noi stessi, passa per le persone che scegliamo come compagnia buona che ci accompagna e ci aiuta a diventare santi.

Grazie per esservi messi in gioco in questa avventura che riempie di Speranza questa estate 2011. Grazie per quanto vivrete che potrà illuminare la vostra vita e le vostre scelte. Grazie per quanto saprete rinnovare e annunciare con gioia al vostro ritorno.

Buon viaggio e buona Gmg a tutti!

 
Diego Grando
15 agosto 2011

 
 

La tradizionale settimana teologica di Camaldoli

caratterizza da sempre il percoso dei giovani universitari cattolici

 

 

Nella quiete della foresta aretina, a Camaldoli nel luogo simbolo della meditazione e della preghiera ma anche dell’impegno nel mondo, ancora una volta è salita, come fa dagli anni Trenta, la Fuci, la federazione Universitaria Cattolica Italiana, grazie alla grande intuizione di Giovanni Battista Montini, futuro Paolo VI. Prima del tradizionale appuntamento dal 25 al 30 luglio si sono tenuti gli esercizi Spirituali per universitari, sul tema «Voi cercate Gesù Nazareno» sul vangelo di Marco guidati da Matteo Ferrari OSB, monaco camaldolese.

 

Il sodalizio tra i padri camaldolesi e i fucini ha radici solide che affondano negli anni della temperie totalitaria e che si consolidarono nei decenni sempre con lo stesso stile e modalità di realizzazione: la fatica del pensare, la gioia della ricerca, il “rendere ragione della propria fede” al mondo. 

 

 Nei decenni generazioni di giovani fucini sono saliti a Camaldoli per confrontarsi con il pensiero dell’uomo ed ascoltare la Parola di Dio, attraverso la dimensione della preghiera, della liturgia monastica e della celebrazione della pasqua quotidiana nella celebrazione dell’Eucatestia.

 

Nel ventesimo anniversaio della morte di un grande assistente Don Agostino Bonivento della FUCI ( 1980- 1991), si è svolta la settimana teologica dal titolo «Mettimi come sigillo sul tuo cuore» (Ct 8,6) una esperienza che ha lasciato ricchi benefici interiori. La cura dei legami nell’epoca delle passioni tristi ha visto la partecipazione di oltre 100 studenti universitari da tutta Italia riuniti a Camaldoli.

 

La Settimana ha avuto inizio con le lezioni del biblista don Gianantonio Borgonovo, il quale, a partire da una sua traduzione del Cantico dei Cantici ha sviluppato un commento al libro. «L’amore cantato nel Cantico dei Cantici – ha affermato don Borgonovo – non è solo colto al principio, al momento iniziale della sua storia. L’amore è colto nella fedeltà piena e nel continuo ricominciare. Questa dinamica vale anche per la vita di fede di ciascuno di noi».

 

A condurre il secondo ciclo di lezioni sono stati i coniugi Claudio e Laura Gentili, fondatori del Centro di consulenza familiare Betania, i quali, partendo dalla loro esperienza personale, hanno affrontato questioni e tematiche inerenti alle relazioni affettive, di coppia e non solo. «Il Cantico dei Cantici può essere cantato all’interno del matrimonio, dopo anni di vita vissuta insieme. Il Cantico è immagine della realtà sponsale fra un uomo e una donna e della realtà sponsale fra Cristo e la sua Chiesa – hanno detto i due coniugi Gentili».
Ospite della Settimana è stato, inoltre, il regista Guido Chiesa, autore del film Io sono con te, che ha incontrato i partecipanti per rispondere alle loro domande sulle varie tematiche della pellicola cinematografica.

 

 

Il tutto si è svolto all’interno della cornice camaldolese e ai ritmi della comunità monastica, con la quale i fucini hanno condiviso i momenti liturgici.
«Riteniamo che in questi giorni – affermano i Presidenti Nazionali Francesca Simeoni e Alberto Ratti – i partecipanti si siano interrogati seriamente, grazie all’aiuto dei nostri relatori, sul tema delle relazioni e dei legami affettivi nel contesto odierno, a partire dalle suggestioni e dagli spunti rintracciabili nelle Sacre Scritture».

 
di Luca Rolandi
10 agosto 2011

CampAnAC 2011

 
 

Da venerdì 9 agosto a Domenica 11 settembre.
Obbligatoria l’iscrizione presso l’ufficio diocesano…

 
 
Da venerdì 9 agosto a Domenica 11 settembre, a Cimacesta, si svolge il CampAnAC, rivolto a tutti i RED e New-RED dell’AC che hanno compiuto la maggiore età. Per iscrizioni ed informazioni rivolgersi all’Ufficio diocesano. Affrettatevi!!!
 
 
DOWNLOAD:

 
 

Weekend Responsabili 2011

 
 

“Battezzati responsabili nella Chiesa, in AC e nel mondo”

 
 
PROGRAMMA:

    Venerdì 2 settembre
    18.30: Arrivi;
    19.15: Celebrazione dei Vespri;
    19.45: Cena;
    21.15: “Adesioni in AC: una storia di volti, mani e cuori“.
     
    Sabato 3 settembre
    8.00: Santa Messa;
    8.45: Colazione;
    9.15: Relazione di don Alberto Sartori: “Battezzati – Giovani e Adulti arricchiti dalla grazia del Battesimo”. Pausa – Condivisione a gruppi. Ripresa conclusiva in assemblea;
    13.00: Pranzo;
    15.30: Responsabili nella Chiesa e nell’Azione Cattolica di Vittorio Veneto;
    18.30: “In una terra ospitale educhiamo all’accoglienza”: VI Giornata per la salvaguardia del Creato. Con la partecipazione del Coro Conegliano, del poeta contadino Diego Stefani e del vescovo Corrado;
    20.30: Cena.
     
    Domenica 4 settembre
    8.00: Lodi;
    8.30: Colazione;
    9.15: Responsabili nel mondo – Giovani e Adulti di Ac nel quotidiano. Conclusioni e Comunicazioni;
    11.30: Santa Messa;
    12.30: Pranzo.

 
 
NOTA BENE:

  • Per iscrizioni (obbligatorie) rivolgersi all’Ufficio diocesano (Tel.: +39.0438.940374 – mail: azionecattolica.vittorioveneto@cooppapaluciani5.191.it – Casa Cimacesta: +39.0435.97013);
  • Per favorire la partecipazione di tutti, il contributo (non divisibile) chiesto per la due giorni è di € 20,00;
  • I Presidenti parrocchiali troveranno in allegato il Documento Programmatico per il triennio 2011-2014, presentato, discusso e approvato nella XIV Assemblea elettiva diocesana.

 
DOWNLOAD:

 
 

La Diocesi di Vittorio Veneto
L’Azione Cattolica
e la Pastorale sociale e del lavoro
invitano alla

 
 

VI Giornata per la Salvaguardia del Creato

 
 

IN UNA TERRA OSPITALE
EDUCHIAMO ALL’ACCOGLIENZA

 

intervengono
il Coro Conegliano
diretto dal m° Diego Tomasi
 
Diego Stefani – poeta contadino
 
S.E. Mons. Corrado Pizziolo
vescovo di Vittorio Veneto
 
 

SABATO 3 SETTEMBRE 2011
ore 18.30
 
CASA CIMACESTA – AURONZO (loc. Giralba)

 
 

Condividere il pane

 
 
Le tavole sono apparecchiate, l’acqua già bolle per la pasta con il ragù, la carne e la verdura per il secondo sono pronte, poi ci sarà il dolcetto “tipico”… a ruota seguiranno caffè e gelati.
Siamo a Cimacesta all’ora di pranzo delle domeniche dei genitori e siamo in tanti, quasi 500, anche attorno ad un altra “tavola” imbandita: l’altare della Messa che ci rimanda a un impegno concreto, ad una responsabilità di “comunione” con tutti.
La ricchezza di questi banchetti ci porta a pensare a quei fratelli che in tante parti del mondo non hanno pane, acqua e un posto a tavola.
Con le offerte raccolte durante le prime tre domeniche dei campi abbiamo voluto essere vicini all’Azione Cattolica di Agrigento impegnata in una prima accoglienza dei profughi in arrivo a Lampedusa.
Dove mangiano 470 persone… di certo si può trovare posto anche per qualche altro e così al momento dell’offertorio abbiamo condiviso questa attenzione di fraternità rendendola esplicita ai genitori.
Il presidente dell’Ac di Agrigento, Massimo Muratore, ci ha raccontato come l’associazione a Lampedusa sia impegnata quasi quotidianamente attraverso i suoi aderenti e ci ha comunicato diverse testimonianze: Due anziane hanno preparato e distribuito per giorni una minestra in piazza, sopra una panchina;quando è terminata l’emergenza, quasi quasi mancavano loro quelle giornate e sperano che il Signore sia rimasto contento.
Una famiglia ha preso in casa per 10 giorni un giovane tunisino e lo ha aiutato ad unirsi ai parenti al nord Italia.
Un’altra socia di Ac, con la sua famiglia, riferisce che non avevano più orari, pane a casa, tempo per la famiglia, perché si stava fuori ad aiutare. Era un’emergenza continua, ma hanno sperimentato davvero la fatica e la gioia di accogliere dei fratelli disperati.
Nelle prime tre domeniche a Cimacesta sono state raccolti 454,36 euro già fatti pervenire in Sicilia. L’ultimo appello di Massimo, presidente diocesano di Agrigento è: “Andate in ferie a Lampedusa per aiutare l’economia locale. E’ un’occasione per costruire fraternità e per sostenere un turismo solidale”.
Nelle domeniche successive, durante i campi del settore giovani e adulti, l’attenzione di fraternità e condivisione viene rivolta alla situazione del Pakistan, a sostegno del Progetto di Shabbaz Bhatti.

 
di Diego Grando
L’Azione, 7 agosto 2011