VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC

NEWS ACVV

Veglia associativa
Venerdì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nella chiesa di Tezze di Piave, con inizio alle 20.30, presieduta dal Vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana. Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano nei modi più diversi, ma il momento comune e più significativo resta la benedizione delle tessere durante la Santa Messa.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti di Conegliano e Vittorio Veneto
I presidenti parrocchiali e il coordinamento foraniale di Conegliano e Vittorio Veneto si incontrano con la presidenza diocesana martedì 11 dicembre, alle 20.30, nella parrocchia di San Rocco a Conegliano.

Convegno nazionale educatori
"Chiamati a scoprire il sapore" il tema del Convegno nazionale educatori Acr che si svolge a Roma dal 14 al 16 dicembre prossimi. Accompagnati da don Paolo Astolfo, assistente diocesano Acr, vi parteciperanno 5 educatori della nostra diocesi.

Minicampo invernale
"Sogna, vinci, scegli" il titolo del mini campo invernale per 18enni e giovani dai 19 ai 30 anni. Si svolge a Nebbiù, nella Casa Apina Bruno e Paola Mari da venerdì 28 a sabato 29 dicembre. E' una nuova opportunità per vivere insieme un momento di formazione e festa, anche alla luce del Sinodo appena concluso. Per info: Ufficio Ac 0438/940374; Mirko 349/0059503.

EVENTI

Sogna, Vivi, Scegli Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Verso la XIV assemblea

Unitarietà: il calore dell’essere famiglia

 
“Che cos’è l’Azione Cattolica? Ne abbiamo parlato molto, ma mi pare che sia soprattutto una realtà di cristiani che si conoscono, che si vogliono bene, che lavorano assieme nel nome del Signore, che sono amici essendo sempre più un cuor solo e unanima sola cercano di servire la Chiesa”.
Con queste parole Vittorio Bachelet chiudeva la seconda Assemblea Nazionale dell’ACI e non c’è modo migliore per spiegare uno dei termini chiave della nostra associazione.
L’unitarietà troppo spesso ci sembra una meta da raggiungere ma a cui possiamo solo aspirare non è così: se guardiamo alle nostre realtà parrocchiali essa gi si realizza nel nostro stare insieme mettendoci a servizio ciascuno secondo il proprio carisma.
Il bello dellAzione Cattolica proprio questo; scoprire di essere tante specificità accomunate per da uno stesso elemento: lunità davanti ad ununica mensa.
L’appartenenza all’Associazione è il filo che lega generazioni diverse in un unico spirito di comunione per far sì che si realizzi un progetto, unesperienza di Chiesa viva.
Nello statuto, infatti, la partecipazione degli aderenti viene definita “un segno della unità della Chiesa in Cristo” (art. 4).
Ma nella pratica che cosa significa unitarietà?
Talvolta le esigenze organizzative ci portano ad esperienze divise per settore ma resta forte in noi la tensione verso l’unità, proprio come in una famiglia, e questo lo si vede chiaramente negli incontri quali le assemblee associative.
Nei nostri gruppi seguiamo un percorso comune che privilegia la formazione delle persone e la cura delle relazioni; l’orizzonte è unico a cui tendiamo ed è quello di diventare santi insieme , ed un obiettivo trasversale per tutte le realtà che un individuo si può trovare a vivere: fanciullo, giovane, adulto, lavoratore, studente, sacerdote, coniuge, figlio, genitore, nonno, pensionato…
L’ingrediente speciale dell’essere AC sono i compagni di strada che, nel cammino verso la santità, sanno, a seconda dell’età, infonderci entusiasmo o trasmetterci la loro esperienza. Diventiamo grandi insieme (inno Cè di Più) l’essenza dell’unitarietà il suo farsi Volto attraverso i volti di tante persone che si rendono disponibili, certe che ci sar il calore di una Famiglia a sostenerli lungo la strada.

 
di Giulia Diletta Ongaro
L’Azione, domenica 14 novembre