VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

settembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30EC

NEWS ACVV

Campi Estate 2019
Che l'Ac diocesana non vada in vacanza lo confermano i campi che si aprono ancora davanti: dal 7 al 14 agosto la settimana per adulti ed adultissimi, con una tre giorni dedicata in special modo alle famiglie, dall'11 al 14 di agosto. Dopo un breve spazio dedicato ad un tempo di distensione con l'Estiamo insieme, dal 19 al 26 agosto si avviano due campi in contemporanea, uno di 14/15enni e uno di giovanissimi. Si proseguirà poi con l'ultimo campo ACR, che prevede la presenza sia di ragazzi di prima e seconda media che di piccoli delle elementari. Il Campanac, dal 6 all'8 di settembre, tradizionale appuntamento di formazione per gli educatori, chiuderà il Tempo Estate Eccezionale 2019 per aprirsi al nuovo anno associativo 2019/2020.

EVENTI

Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Verso la XIV Assemblea

Chiamati a camminare insieme

 
Per l’associazione e per i suoi soci questo momento, pur nelle fatica del suo procedere, è occasione di educazione alla democrazia.
Ormai la nostra società dà per scontata la vita democratica, salvo accorgersi che senza fare memoria ed esperienza di democrazia, col passare del tempo ci si dimentica come funziona, quali sono i cardini su cui si appoggia.
La scelta democratica per l’Azione Cattolica Italiana è stata una scelta fatta con lo statuto del 1969 e mai messa in discussione, nonostante la fatica che la democrazia comporta. Si perché democrazia vuol dire poter dare a tutti l’opportunità di esprimere la propria volontà in merito al “governo” di una associazione, di uno stato più in generale di un qualsiasi “ente” democratico.
Di recente anche la legislazione italiana ha imposto a tutte le associazioni di procedere al proprio governo usando strumenti “democratici”. Una scelta quindi quella del 1969 fatta con lungimiranza.
Una scelta non scontata, ma frutto di un grande percorso di ricerca che ha portato ad individuare nella struttura associativa e democratica, l’ “ambiente” ideale per svolgere le attività proprie dell’associazione al fine del raggiungimento dello scopo sociale.
Questo percorso è patrimonio dell’associazione e degli associati, ed è un patrimonio importante, che dobbiamo difendere e che dobbiamo tramandare.
Questo “ambiente” ideale, cosi strutturato, ci permette, tramite la partecipazione alla vita associativa stessa, un formazione umana che ci prepara e ci allena all’incontro con gli altri, all’interno di relazione libere, anche se a volte sono faticose, dure, contrastanti.
Molto importanti sono i meccanismi che si usano per esercitare questo diritto di partecipazione. L’Azione Cattolica Italiana ha scelto quello della democrazia rappresentativa, così come fece a suo tempo lo Stato Italiano.
E’ il metodo più diffuso, perché permette a molti di esprimersi attraverso pochi: gli eletti.
Il sistema è semplice: i soci con più di 14 anni eleggono i loro rappresentanti che formeranno la Presidenza parrocchiale. La Presidenza parrocchiale è composta dal Presidente e da due rappresentanti degli adulti, da due rappresentanti dei giovani e da due rappresentanti degli educatori Acr.
La formazione della Presidenza parrocchiale rappresenta un momento importante per ogni socio. E’ qui che egli esprime la sua volontà sul “governo” dell’Associazione eleggendo chi ritiene possa avere le seguenti caratteristiche: convinto aderente di ACI, che “sente” in modo forte la sua vocazione laicale che è in comunione con la Chiesa che opera e cerca il fine ultimo della Chiesa: la santità dell’uomo.
Se possibile i soci dovrebbero cercare con forza un cammino di condivisione alla ricerca di queste persone. Persone che si assumono la responsabilità di guidare l’associazione parrocchiale e di rappresentare i soci a livello foraniale. E’ un momento forte, intenso, che coinvolge giovanissimi, giovani e adulti in un esercizio di comunione e crescita comune. Mettere in relazione generazioni diverse, bisogni ed istanze avvolte anche lontani.
Una formazione umana e spirituale, fatta di attenzioni, rispetto, condivisione, pace verso per le persone, verso l’associazione e verso la Chiesa. E non è anche questo cammino di santità?

 
di Francesco Salatin
L’Azione, domenica 24 ottobre 2010