VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2017
Mercoledì 14 giugno si è aperta l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di 58 ragazzi di quarta e quinta elementare. Provenienti da 17 parrocchie, conosceranno da vicino le vicende di Davide, cantautore di Dio. Saranno guidati dal capocampo Daniele e dall'assistente don Adriano, con Lorenzo come cuoco e Stefano capocasa. Mercoledì 21 giugno è partito il secondo campo dell'estate che vede la presenza di 81 ragazzi di prima e seconda media, provenienti da 25 parrocchie. Sono guidati dalla capocampo Silvia, dall'assistente don Angelo, con Lisetta cuoca e Nicolò capocasa. Mercoledì 28 giugno 85 bambini di quarta e quinta elementare hanno riempito Casa Cimacesta per il loro camposcuola. Provenienti da 16 parrocchie avranno Stella come capocampo, don Federico assistente, Annarita cuoca e Valerio capocasa. Da Mercoledì 5 luglio 83 ragazzi di prima e seconda media, provenienti da 22 parrocchie hanno riempito Casa Cimacesta per il quarto campo dell'estate. Sono guidati dalla capocampo Sara, dall'assistente don Andrea, con Ivano cuoco ed Anna capocasa. Da Mercoledì 12 luglio 77 bambini dalla prima alla terza elementare, provenienti da 20 parrocchie, stanno riempiendo Casa Cimacesta per il loro campo del Sei/Otto. Guidati dalla capocampo Elisa e dall'assistente don Claudio, insieme ai loro educatori, andranno alla scoperta del seme buono che è la Parola dell'amico Gesù. Nel servizio di capocasa ci sarà Francesca e come responsabile in cucina Erminia. Mercoledì 19 luglio 81 ragazzi della quarta e quinta elementare, provenienti da 20 parrocchie, riempiranno Casa Cimacesta per il loro campo, il sesto dell'estate. Guidati dalla capocampo Veronica e dall'assistente don Paolo, insieme ai loro educatori, andranno alla scoperta della figura di Davide, cantautore di Dio. Nel servizio di capocasa sarà presente Enrico e come responsabile in cucina Sergio.

Nuovo indirizzo email
Il nuovo indirizzo di posta elettronica dell'Azione Cattolica diocesana che è: "segreteria@acvittorioveneto.it". Sostituisce il precedente.

EVENTI

#AC150FuturoPresente Chi Ama Educa 2017 Tempo Estate Eccezionale 2017 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI


Nella bellezza col segno della croce

L’invasione di Roma. E un gran dialogo

 
Ieri c’è stata l’invasione di Roma. Treni pieni, strade colme, tutto esaurito nei musei. Alla folla di turisti che cercano la bellezza e sanno che lì si può trovare, maestosa, disponibile, familiare e umilmente sottomessa a ogni sguardo e a ogni passo, s’è mescolata un’altra folla, immensa, di ragazzini. Li ho visti per la strada, li ho visti affollare Piazza del Popolo. La mattina avevano invaso quella di san Pietro. Invasori anche loro, in mezzo alla città della bellezza e dell’umano, del caos e dello splendore, del disastro e della gloria. Nella città dell’uomo. Invasori con il segno della croce addosso e con addosso la loro quasi sfrontata giovinezza. La loro indocile promessa di vita.
Roma ha patito molte invasioni. Di cosiddetti barbari. E di vincitori di ogni genere. In genere vincitori di breve durata, rispetto al grande potente flusso che emana da questo luogo, alla vittoria senza armi di una bellezza che chiama le più antiche aspirazioni dell’uomo, il più acuto e quasi doloroso senso della misura e della dismisura e insieme tiene i segni della strana bellezza del cristianesimo. Che è appunto quel medesimo segno della croce che i giovanissimi della Azione Cattolica tenevano appeso al collo, allo zainetto, in mille maglie o scarpette o altri segnali. La strana bellezza del cristianesimo, che tiene
insieme l’aspirazione alla più alta e sublime gioia e la drammatica, dolorosa esperienza della storia, del sacrificio e del limite. La bellezza del crocifisso che è la stessa carne del Risorto. A volte capita di chiedermi cosa penserebbe Gesù Cristo vedendo questi ragazzini andare in giro con il segno della sua croce addosso.
Portato come un segno di giovinezza, come un segno di novità, come un pegno che la vita non è vana. E come un segno di contemporaneità che supera mille altri emblemi.
Roma, splendida e sempre in grado di turbare, ha accolto anche questa invasione. Ci sono le star e gli amanti del cinema per la festa annuale, ci sono le migliaia di turisti e poi loro i centomila ragazzini italiani. In una manifestazione che non esprime – come tante, purtroppo – solo un risentimento, ma una ricerca, una tensione positiva. Questi ragazzi, anch’essi un po’ barbari e un po’ no, insomma del tutto italiani, razza delle razze, sono venuti qui non per fare un po’ di turismo, non solo per riempirsi gli occhi della bellezza impetuosa e segreta di questa città che continua a chiamare gente da ogni parte del mondo.
Sono venuti innanzitutto per incontrare il Papa. Anzi, per essere incontrati da lui. Che infatti si è prestato, si è messo a loro disposizione in un dialogo ad altezza di ragazzo. Cioè ad altezza di cuore. Insomma, ad altezza d’uomo. Perché l’uomo è quel che il suo cuore desidera. E la frase che gli adulti che accompagnano questi ragazzini – in un lavoro spesso oscuro, mai celebrato, mai sotto le telecamere, «servitori della loro gioia» come ha detto il Papa – hanno scelto era semplice: «C’è di più».
Come è vero che ogni opera d’arte invita a scoprire che c’è di più. Ogni amore, ogni immagine, ogni evento –come scriveva Montale – porta l’invito ad andare più in là. Come dire che ogni cosa è segno. Lo ha raccontato anche il Papa ai ragazzini, parlando di sé ragazzino, quando ha ricordato che lui era il più piccoletto della classe e se voleva crescere doveva proprio puntare su un «di più» che non fosse solo visibile. Non si trattava per lui (per l’uomo che ora è Papa) di crescere in potenza, in onore, in gloria. In successo.
Ma di crescere in quel che la vita promette come compimento, come verità dell’essere umano. Benedetto ha ricordato gli adulti che nel Vangelo erano «disturbati» perché i bambini attorniavano Gesù. Ora come allora, lui e quei ragazzini invasori di Roma hanno detto qualcosa di nuovo e di antico. Hanno reso la miglior giustizia alla bellezza stupefacente e drammatica di questa città. Alla bellezza d’essere uomini che cercano la misura e la dismisura adeguata all’amare, al morire, al patire, al godere. Al vivere.

 
di Davide rondoni,
Avvenire, 31 ottobre 2010