VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2017
Mercoledì 14 giugno si apre l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di 58 ragazzi di quarta e quinta elementare. Provenienti da 17 parrocchie, conosceranno da vicino le vicende di Davide, cantautore di Dio. Saranno guidati dal capocampo Daniele e dall'assistente don Adriano, con Lorenzo come cuoco e Stefano capocasa. Mercoledì 21 giugno è partito il secondo campo dell'estate che vede la presenza di 81 ragazzi di prima e seconda media, provenienti da 25 parrocchie. Sono guidati dalla capocampo Silvia, dall'assistente don Angelo, con Lisetta cuoca e Nicolò capocasa. Mercoledì 28 giugno 85 bambini di quarta e quinta elementare riempiranno Casa Cimacesta per il loro camposcuola. Provenienti da 16 parrocchie avranno Stella come capocampo, don Federico assistente, Annarita cuoca e Valerio capocasa.

Nuovo indirizzo email
Il nuovo indirizzo di posta elettronica dell'Azione Cattolica diocesana che è: "segreteria@acvittorioveneto.it". Sostituisce il precedente.

EVENTI

#AC150FuturoPresente Chi Ama Educa 2017 Tempo Estate Eccezionale 2017 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI


Le micro azioni che cambiano il mondo


 
È rimbalzata più volte prima nella stampa e poi nei servizi televisivi, la notizia della minestra negata (causa morosità) ad alcuni bambini in una mensa scolastica ad Adro, comune bresciano. Questo eccesso di zelo maturato nell’euforia dei successi leghisti, lasciandoci lo sguardo stupito e smarrito dei bambini, figli di immigrati, ma anche di italiani cassaintegrati, sarebbe scivolato giornalisticamente nel dimenticatoio se non si fosse presentato un imprenditore locale a sanare il debito delle famiglie inadempienti. I diecimila euro versati all’ufficio comunale competente invece di recare sollievo, hanno provocato reazioni indispettite sia nella amministrazione comunale, come nelle famiglie in regola con le quote-mensa.
L’anonimo donatore è stato costretto a motivare in un noto quotidiano le ragioni sottese in un gesto di responsabilità e generosità civile. Le argomentazioni proposte rispecchiano, pur con un linguaggio aderente ad un vissuto territoriale professionale, alcune chiavi di lettura presenti nella Caritas in veritate, specialmente quando l’enciclica evidenzia l’impatto innovativo per uscire dalla crisi del: «principio di gratuità e logica del dono».
Preoccupano il sospetto, il rancore e la miopia che impediscono di apprezzare un gesto ispirato ad equità e fiducia nei confronti delle nuove generazioni, in modo particolare riguardo ai bambini che con il loro sorriso universale chiedono d’essere tutti commensali alla stessa tavola. Non è difficile sentire risuonare intorno a noi il rimprovero-annuncio di Gesù rivolto agli Apostoli seccati per la vivacità rumorosa dei ragazzi: «Lasciate che i bambini vengano a me».
A pochi giorni dal Convegno delle Presidenze diocesane e a qualche mese dall’appuntamento unitario dei ragazzi-giovanissimi del 30 ottobre, è urgente nell’ottica educativa lasciarci interpellare da questi eventi di vita quotidiana che segnalano mentalità e comportamenti presenti nelle nostre comunità, in contraddizione con una comunicazione e riscoperta della fede credibile.
La conversione e la penitenza richieste da Benedetto XVI per i peccati dei figli della Chiesa, in modo particolare di alcuni presbiteri, possono concretizzarsi in un rinnovato impegno prioritario e costante con tutti i bambini, figli dei ricchi e dei poveri, del Nord e del Sud del mondo, consegnando loro una terra amica, non inquinata e una società gradualmente sempre più giusta e fraterna.
Non può che far riflettere il disagio provato dall’imprenditore dopo aver provveduto al costo mensa dei bambini sospesi, per il silenzio dei suoi concittadini, delle associazioni e delle comunità cristiane con i loro parroci. Il discernimento maturato nel dialogo in famiglia e con gli amici, ha portato il benefattore ad agire per fronteggiare una situazione di emergenza, ma anche per riproporre parole come dignità e rispetto che meritano la maiuscola, avvicinandoci a noi stessi e alla nostra umanità. Ecco tra le tante una sua espressione significativa: «Bisogna dare qualcosa di quello che si è ricevuto nella vita e che tiene separati i diritti dei bambini dalle inadempienze degli adulti».
Auguriamoci che voci come queste, capaci di far cantare la coscienza, scoraggino sentimenti e manifestazioni qualunquistiche o peggio rancorose e trovino nei nostri gruppi associativi occasione di approfondimento e iniziativa nel territorio.
Nel 150° dell’Unità d’Italia è ancora tempo per «costruire gli italiani» nell’armonia tra radicamento locale e sviluppo globale; un paese dove non si dà un bonus di 500 euro ai vigili che catturano un clandestino ma si opera per costruire legami profondi e duraturi.
Si sono accorti che il nostro Paese ha un cuore gli operai che si sono complimentati con il loro datore di lavoro, sentendosi orgogliosi ed onorati per il coraggioso ed esemplare gesto da lui compiuto.

 
di Giuseppe Masiero
Dialoghi.net, martedì, 27 aprile 2010