VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa. Mercoledì 4 luglio al via il terzo campo per Casa Cimacesta. Ottantadue sono i ragazzi di prima e seconda media che vi partecipano, provenienti da venticinque diverse parrocchie della diocesi, nove gli educatori guidati dal capocampo Roberto Amadio e dall'assistente don Andrea Dal Cin, con Mariuccia Nardin capocasa e AnnaRita Barzan cuoca.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

L’AC sulle strade dei cercatori di Dio

Convegno Nazionale delle Presidenze di AC

 
Siamo tutti parte della stessa Chiesa, ma talvolta corriamo il rischio di limitarne l’orizzonte non vedendo più in là della nostra realtà parrocchiale. Devo essere sincero: mi sento fortunato perché l’AC, oltre a favorire la mia crescita umana e cristiana, mi ha aiutato ad uscire da questa logica che rischia di essere “stagnante” e ad aprire la mia esperienza alla diocesi, e negli ultimi tempi, anche alla dimensione nazionale.
Non è facile apprezzare e amare qualcosa finché non la si tocca con mano, ma una volta sperimentata la sua bellezza, non lo si abbandona più. Ripenso alle significative occasioni di incontro, preghiera, confronto e festa che ho vissuto insieme ad altri ragazzi, giovani e adulti di tutta Italia: Loreto nel 2004 e Roma nel 2008, al convegno delle presidenze dello scorso anno. Tanti dialetti diversi che raccontano provenienze diverse, come diverse sono le esperienze ecclesiali che le diocesi italiane vivono: unità nella diversità. Che splendida avventura l’essere parte di questa Chiesa!
Anche quest’anno, dal 30 aprile al 2 maggio, si svolgerà a Roma il Convegno Nazionale delle Presidenze diocesane di AC: “Sulle strade dei cercatori di Dio. Azione cattolica, primo annuncio, riscoperta della fede”. Tema centrale sarà la “sete di Dio” che alberga nei cuori degli uomini e delle donne del nostro tempo, desiderio talvolta inespresso, che esige dall’AC scelte forti nel vasto territorio del “primo annuncio” e della “riscoperta della fede”. A fare da sfondo al tema del “primo annuncio” e della “riscoperta della fede” c’è poi la sfida educativa, su cui verteranno gli orientamenti pastorali per il prossimo decennio, in merito ai quali l’AC è attenta da sempre e con grande entusiasmo (ad esempio gli esercizi spirituali, il percorso “Chi ama educa”…). L’impegno perché i nostri fratelli incontrino, o re-incontrino, il Signore, passa attraverso prassi educative e formative ordinarie, attraverso la ricca trama di relazioni personali e comunitarie. Giovani e adulti di AC raccolgono con gioia tale sfida e continuano a camminare in questa direzione, consapevoli che solo insieme a tutta la Chiesa potranno andare davvero lontano.

 
di Michele Nadal
L’Azione, venerdì 23 aprile 2010