VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2010
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC

NEWS ACVV

Orchestriamo la Pace
Giunta all'ottava edizione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace è sabato 19 gennaio 2019 in patronato a Motta di Livenza. L'evento, che quest'anno si avvale della collaborazione con il Centro Studi La Pira, inizia alle ore 20.00 con un buffet aperto a tutti per proseguire poi con lo spettacolo musicale a partire dalle 21.00. Le esibizioni musicali e le forme artistiche presentate avranno come sfondo il tema del messaggio del Papa per la giornata mondiale per la Pace “La buona politica al servizio della pace". Ingresso libero.

Feste della Pace
A conclusione del Mese della Pace, vengono organizzate le feste foraniali per la Pace. Questo il calendario: domenica 20 gennaio: a Campodipietra per Mottense - Torre di Mosto e a Cordignano per Pedemontana. Sabato 26 gennaio a Vazzola per La Colonna. Domenica 27 gennaio a Sacile per Sacilese e a Piavon per Opitergina. Domenica 10 febbraio a Gaiarine per Pontebbana. Durante le feste verrà proposta l'iniziativa "Abbiamo riso per una cosa seria" che sostiene progetti che promuovono l'agricoltura familiare dei contadini del nord e del sud del mondo, contro lo sfruttamento del lavoro e del territorio. Ci saranno a disposizione delle confezioni sottovuoto di riso da 500 grammi.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti della forania Opitergina
I presidenti parrocchiali e il coordinamento della forania Opitergina si incontrano con la presidenza diocesana giovedì 31 gennaio, alle 20.30, nella parrocchia di Lutrano, sale dell'oratorio.

EVENTI

Incontro Presidenti Parrocchiali Triveneto OrchestriAmo La Pace 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

“Con Maria per essere luce”

 

Festa dell’Immacolata, festa dell’Adesione dell’Azione Cattolica


 
Con la festa dell’Immacolata dell’8 dicembre arriva puntualmente ogni anno anche la giornata dell’adesione dell’Azione Cattolica. In un certo senso, in quel giorno, Maria si mette a disposizione di ogni acierrino, giovane o adulto di Ac che intenda seguirne l’esempio e che voglia riporre in Lei la sua rinnovata fiducia e il suo rinnovato gioioso impegno di formazione e di testimonianza.
L’Azione Cattolica, oggi particolarmente, è chiamata ad essere estroversa, contemporanea, in compagnia degli uomini e delle donne che affollano le nostre quotidiane relazioni. L’adesione costituisce l’impegno proprio di ogni socio a voler rilanciare la vitalità dell’associazione e, nello stesso tempo, a voler rilanciarsi nella sua vitalità, avendo come riferimento essenziale il dinamismo di Maria che con il suo generoso “eccomi” si è donata e ha donato al mondo Gesù unico Salvatore.
A seconda dell’età, del target che occupiamo negli ambienti di vita che frequentiamo e con i quali siamo in comunicazione, ogni giorno lasciamo o ci lasciamo impressionare da immagini, veniamo raggiunti da flussi di informazione, sempre determinati da precise classifiche: hit parade, sondaggi, audience di vario genere… Come clienti/consumatori, determiniamo più o meno consapevolmente il successo e la visibilità di certi prodotti, di “certi” personaggi, di “certi” opinionisti di rango più o meno elevato (o più o meno basso!)… Il discepolo di ogni tempo, proprio perché “relativo” a Gesù, credente in Lui e in Lui radicato, non può, per Grazia, non divenirne segno concreto. Non può considerarsi incapace di dare sapore e luce alla storia quotidiana che lui stesso sta costruendo e nella quale è immerso in maniera tutta singolare. Certo, egli ha il dovere di trovare il difficile equilibrio fra visibilità e nascondimento, fra vita da “mediano” e “attaccante di punta”. Ma non per questo deve rimanere in “zone d’ombra” o, peggio ancora, vivere “all’ombra”, dentro a qualche “zona franca”, magari ben custodita.
«Non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio» (Mt 5, 14-15). Credere in Gesù ci rende come una luce che si pone sopra un monte perché illumini! Ci rende come sale disposto anche a “sciogliersi” nei vari contesti umani di vita che condividiamo, senza timore di perdere posizioni, di non essere in pool position, di apparire irrilevanti. Come credenti in Gesù, siamo chiamati ad una visibilità gratuita, luminosa, capace di dare sapore alla storia di tutti, a partire dai contesti di vita quotidiana, fino alle piazze più affollate e complesse dove il rischio della confusione e della dispersione è più alto. Il credente, certo, non si confonde e non si disperde. Piuttosto entra in simpatia con il camminare degli uomini, incoraggia il loro comunicare, favorisce il loro incontrarsi, condivide la ricerca di senso su quanto accade nella scena del mondo (cfr PPD, p. 38).
Allora, nella giornata dell’adesione dell’8 dicembre, il socio di Ac che intenda servire la sua Chiesa con generosa dedizione, senza il bisogno di stare sotto i riflettori, sente il bisogno di chiedere una “Benedizione” dall’Alto.

 
di Don Luigino Zago

 
Scarica il testo per l’animazione liturgica dell’8 dicembre (33KB, formato Word)
Scarica il testo per l’animazione liturgica dell’8 dicembre (54KB, formato PDF)