VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa. Mercoledì 4 luglio al via il terzo campo per Casa Cimacesta. Ottantadue sono i ragazzi di prima e seconda media che vi partecipano, provenienti da venticinque diverse parrocchie della diocesi, nove gli educatori guidati dal capocampo Roberto Amadio e dall'assistente don Andrea Dal Cin, con Mariuccia Nardin capocasa e AnnaRita Barzan cuoca.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Chiamati ad essere luce


 

Riflessione dell’assistente unitario
all’inizio del nuovo anno associativo

 
Un nuovo anno associativo che inizia. Mesi di “Tempo Estate Eccezionale” che si concludono.
Un “CampAnAc” (Campo Animatori di Azione Cattolica) in fase di attuazione, ad un mese appena dal “Week-end Responsabili” di AC. E poi, via con l’Incontro unitario di fine settembre a Motta di Livenza, in compagnia di Maria, Madonna dei Miracoli, per dare origine, ancora una volta, ad un nuovo “miracolo” nella nostra Chiesa di Vittorio Veneto: il miracolo, meravigliosamente rappresentato da uomini e donne che continuano a cercare; di credenti, battezzati, che, instancabilmente, continuano ad entrare dentro ai varchi della loro quotidiana esistenza. E lì vi rimangono. Fedeli al Vangelo, all’uomo, alla Vita, dal suo luminoso sorgere al suo vespertino tramonto.
Voi siete la luce del mondo. Non può restare nascosta una città collocata sopra un monte, né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa. Risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli” (Mt, 5, 14-16).

Sì, è vero! Chi, raggiunto dalla chiamata di Gesù, si muove al suo seguito, cerca, esplora, scandaglia, investiga. Sta dietro a Lui ed è luce. E’ riflesso della Luce.
Gli attori protagonisti di questa “missione di Luce”: il primo è lo Spirito Santo. Egli tocca direttamente il cuore dell’uomo che cerca, e che cercando illumina.
C’è un luogo del cuore dove lo Spirito ci tocca, ci trasforma. Bisogna lasciarlo operare. Bisogna fargli spazio dentro. Non possiamo permettere a questo Ospite così discreto e silenzioso di oziare in noi solamente perché noi dobbiamo/vogliamo fare e soprattutto “strafare”, sconfinando “a vuoto” e creando, di noi stessi, dei “vuoti a perdere”. Entriamo in un vicolo cieco. E la luce si spegne.
Il secondo attore siamo noi. Noi che “cerchiamo” di essere luce lungo un cammino che certamente ci trasformerà. Ci potranno essere delle ripetitività lungo questa percorso. Ripetitività rispetto a quanto abbiamo già fatto o tentato di fare dentro qualche esperienza che riteniamo già ben collaudata. Qualche volta saremo entusiasti, qualche altra volta stanchi; qualche volta amareggiati o addirittura frustrati; qualche volta più speranzosi o ottimisti.
Anche quando tutto attorno a noi sembra essere svuotato di senso; quando le persone sembrano esserci vicine solamente per opportunità o poco più; quando l’essere disponibili ed accoglienti ci costa oltre modo fatica per delusioni accumulate e gratificazioni non ricevute; la perseveranza non deve cedere il passo alla stanchezza, né il dubbio e l’amarezza debbono avere la meglio sulla fiducia e sulla gioia di una vita vissuta all’insegna della gratuità e dell’amore offerto e donato.
L’obiettivo di ciascuno di noi che “cerchiamo” di essere luce è quello di continuare a lavorare con tutte le nostre forze per umanizzare il mondo nel quale viviamo, per renderlo davvero più giusto, più umano, più ricco della presenza di Dio, in tutti gli ambienti di vita, soprattutto in quelli più “costitutivamente” sensibili e nello stesso tempo più densi di criticità e vulnerabilità; e sono, lo sappiamo, gli ambienti dell’educazione e della formazione al dono e alla scoperta della vita, quali la famiglia e la scuola.
Come entro in quest’anno associativo? Stanco, frustrato, contento, speranzoso, ottimista, tentato? Entro desideroso di uscirne comunque certamente rinnovato, con una forza singolare, con una luce insolita, con un coraggio inedito?
Entro, e prego: “Guidami tu, candida luce, in mezzo alle tenebre: guidami innanzi. La notte è cupa e io sono lontano da casa. T’invoco, guidami! Veglia sul mio cammino. Non chiedo di vedere l’orizzonte lontano, un solo passo mi basta” (J. Newman).

 
di don Luigino Zago
L’Azione, domenica 12 settembre 2010