VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Sabato 20 Gennaio
gennaio 2018
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031EC

NEWS ACVV

Orchestriamo la Pace
Giunta alla sua settima edizione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace… looking for peace è sabato 20 gennaio 2018 dalle ore 20.45 alle ore 23.00, nel teatro auditorium di Sarmede (Via Giuseppe Mazzini, 16). Le esibizioni musicali e le forme artistiche presentate avranno come sfondo il tema del messaggio del Papa per la giornata mondiale per la Pace “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace“. Gli artisti che si esibiranno sono i "Laundry Soul", il coro degli "Sconcertati", Yuri Ninkovic e un giovane gruppo esordiente di Gaiarine. La scuola "Oltredanza" di Fontanelle proporrà delle coreografie di danza collegate al tema della serata. Ingresso libero.

Esercizi spirituali 18enni
Dal pomeriggio di sabato 10 alla cena di lunedì 12 febbraio, a Lentiai, nella Casa Stella Maris, si svolgono gli esercizi spirituali per 18enni (ragazze e ragazzi nati negli anni 1999 - 2000), con la guida di don Andrea Dal Cin. Tema delle giornate: "Bellezza che attrae". Per informazioni ed iscrizioni: Ufficio diocesano Ac 0438/940374; segreteria@acvittorioveneto.it

Esercizi spirituali per giovani ed adulti
Dalla sera di venerdì 23 al pranzo di domenica 25 febbraio, a Vittorio Veneto, nella Casa di spiritualità San Martino, si svolgono gli esercizi spirituali per giovani ed adulti, con la guida di don Tony Drazza, assistente nazionale giovani. Per informazioni ed iscrizioni: Ufficio diocesano Ac 0438/940374; segreteria@acvittorioveneto.it.

EVENTI

Orchestriamo la Pace Toniolo 100 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Chiamati a maturità


 

L’esperienza di quattro “maturati” alla ricerca di sé stessi

 
L’estate rappresenta per ognuno un termine di passaggio, una pausa per ricaricarsi e ripartire per un’altra esperienza più o meno nuova ed entusiasmante.
La proposta è variegata: c’è chi sogna un viaggio all’estero, chi attende un tuffo in mare, chi preferisce la montagna. Non mancano inoltre le occasioni di esperienza associativa come i campiscuola di Azione Cattolica, indirizzati a coloro che sentono il bisogno di dedicare del tempo a se stessi e alla comunione con gli altri.
Così casa Sacile è diventata luogo di ritrovo per trentacinque diciottenni, tra cui quattro ragazzi che hanno terminato la Scuola Superiore affrontando nelle ultime settimane l’esame di Stato: Chiara, Sandro, Daniel ed Enrico.
Il tema da loro scelto alla maturità ha riguardato la felicità, come fossero già proiettati nel tema del campo (“in viaggio verso la felicità”), consapevoli di far parte di un progetto che si concretizza in un percorso di vita che, chi più e chi meno, ha già chiaro nella propria testa. Quattro ragazzi diversi, dislocati nella diocesi, ma accomunati dalla scelta di donarsi con il loro servizio nell’AC, vivendo una settimana di condivisione e mettendo a nudo se stessi.
Ognuno è riuscito a farsi testimone di alcuni valori che possono esser rappresentati dalle seguenti parole: scelta, perseveranza, sapienza e progetto di vita.
Chiara ha scelto di fare l’animatrice ad un campo di ACR, portando avanti un servizio che le ha permesso di donare una parte di sé ai più piccoli e realizzando ciò che ha sempre sognato di fare e per cui ha studiato.
Sandro, nonostante la fatica, con determinazione è riuscito ad ottenere un soddisfacente risultato finale all’Esame di stato.
Daniel ha scelto di partecipare al campo 18enni perché lo reputa un’esperienza in cui poter sfruttare al meglio il tempo, sicuro di tornare a casa con un bagaglio spirituale molto carico, ma piacevole da portare.
Enrico, invece, è arrivato al campo per approfondire e trovare delle persone con cui confrontarsi rispetto al suo progetto di vita.
Nessuno di loro si ritiene un eroe, anzi, il ritorno alla quotidianità implica una testimonianza a chi non c’era.

 
di Chiara, Sandro, Daniel, Enrico
L’Azione, domenica 1 agosto 2010