VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2019
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC

NEWS ACVV

Orchestriamo la Pace
Giunta all'ottava edizione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace è sabato 19 gennaio 2019 in patronato a Motta di Livenza. L'evento, che quest'anno si avvale della collaborazione con il Centro Studi La Pira, inizia alle ore 20.00 con un buffet aperto a tutti per proseguire poi con lo spettacolo musicale a partire dalle 21.00. Le esibizioni musicali e le forme artistiche presentate avranno come sfondo il tema del messaggio del Papa per la giornata mondiale per la Pace “La buona politica al servizio della pace". Ingresso libero.

Feste della Pace
A conclusione del Mese della Pace, vengono organizzate le feste foraniali per la Pace. Questo il calendario: domenica 20 gennaio: a Campodipietra per Mottense - Torre di Mosto e a Cordignano per Pedemontana. Sabato 26 gennaio a Vazzola per La Colonna. Domenica 27 gennaio a Sacile per Sacilese e a Piavon per Opitergina. Domenica 10 febbraio a Gaiarine per Pontebbana. Durante le feste verrà proposta l'iniziativa "Abbiamo riso per una cosa seria" che sostiene progetti che promuovono l'agricoltura familiare dei contadini del nord e del sud del mondo, contro lo sfruttamento del lavoro e del territorio. Ci saranno a disposizione delle confezioni sottovuoto di riso da 500 grammi.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti della forania Opitergina
I presidenti parrocchiali e il coordinamento della forania Opitergina si incontrano con la presidenza diocesana giovedì 31 gennaio, alle 20.30, nella parrocchia di Lutrano, sale dell'oratorio.

EVENTI

Incontro Presidenti Parrocchiali Triveneto OrchestriAmo La Pace 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Chiamati a maturità


 

L’esperienza di quattro “maturati” alla ricerca di sé stessi

 
L’estate rappresenta per ognuno un termine di passaggio, una pausa per ricaricarsi e ripartire per un’altra esperienza più o meno nuova ed entusiasmante.
La proposta è variegata: c’è chi sogna un viaggio all’estero, chi attende un tuffo in mare, chi preferisce la montagna. Non mancano inoltre le occasioni di esperienza associativa come i campiscuola di Azione Cattolica, indirizzati a coloro che sentono il bisogno di dedicare del tempo a se stessi e alla comunione con gli altri.
Così casa Sacile è diventata luogo di ritrovo per trentacinque diciottenni, tra cui quattro ragazzi che hanno terminato la Scuola Superiore affrontando nelle ultime settimane l’esame di Stato: Chiara, Sandro, Daniel ed Enrico.
Il tema da loro scelto alla maturità ha riguardato la felicità, come fossero già proiettati nel tema del campo (“in viaggio verso la felicità”), consapevoli di far parte di un progetto che si concretizza in un percorso di vita che, chi più e chi meno, ha già chiaro nella propria testa. Quattro ragazzi diversi, dislocati nella diocesi, ma accomunati dalla scelta di donarsi con il loro servizio nell’AC, vivendo una settimana di condivisione e mettendo a nudo se stessi.
Ognuno è riuscito a farsi testimone di alcuni valori che possono esser rappresentati dalle seguenti parole: scelta, perseveranza, sapienza e progetto di vita.
Chiara ha scelto di fare l’animatrice ad un campo di ACR, portando avanti un servizio che le ha permesso di donare una parte di sé ai più piccoli e realizzando ciò che ha sempre sognato di fare e per cui ha studiato.
Sandro, nonostante la fatica, con determinazione è riuscito ad ottenere un soddisfacente risultato finale all’Esame di stato.
Daniel ha scelto di partecipare al campo 18enni perché lo reputa un’esperienza in cui poter sfruttare al meglio il tempo, sicuro di tornare a casa con un bagaglio spirituale molto carico, ma piacevole da portare.
Enrico, invece, è arrivato al campo per approfondire e trovare delle persone con cui confrontarsi rispetto al suo progetto di vita.
Nessuno di loro si ritiene un eroe, anzi, il ritorno alla quotidianità implica una testimonianza a chi non c’era.

 
di Chiara, Sandro, Daniel, Enrico
L’Azione, domenica 1 agosto 2010