VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 24 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Camposcuola per adulti? Sì grazie!


 

L’Azione Cattolica diocesana ha messo in calendario anche quest’anno due campi adulti

 
Quest’anno nelle parrocchie e nei gruppi di AC abbiamo riflettuto, da adulti in cammino, sulle emozioni che Zaccheo ha provato dal momento della ricerca e conoscenza di Gesù fino alla totale adesioni e al suo dedicarsi all’annuncio.
Come ci chiede il Piano pastorale di questo triennio, abbiamo riflettuto sulla vocazione e sui ministeri affidati con il Battesimo; il nuovo anno ci vedrà impegnati nel servizio e nella missione tra i gruppi e le comunità cristiane. Un brano tratto dal “discorso della montagna” ci accompagnerà: sarà l’invito pressante ad essere “sale della terra e luce del mondo” .
Pensando all’invito di Gesù ai suoi discepoli ritornati dalla missione, a riposarsi e a cercare refrigerio per lo spirito, riteniamo che l’estate può essere il momento giusto per un ritorno alla profondità e ricchezza che si nascondono in ognuno di noi. Questo cercheremo di fare nei due campi per adulti di AC. Per essere sale e luce proveremo a “prender sapore” e ad illuminarci con la Parola di Dio. Trovare il tempo da dedicare alla cura di noi stessi ci consente di non rimanere incatenati alle esigenze di questo mondo, ci permette di “esser educati” per poi educare. Chi meglio dell’unico Maestro, del Gesù di Nazaret, ci può aiutare ad avere una nuova visione sociale, culturale e politica?
Il compito formativo affidato agli adulti e che più volte in quest’anno abbiamo richiamato richiede che ognuno di noi cresca in fede e umanità. Non si può pensare di formare senza essere a propria volta impegnati in un cammino di formazione; la sorgente zampilla acqua fresca perennemente solo se a monte l’invaso viene continuamente arricchito dalle piogge e dalle nevi.
E il compito oggi è ancora più difficile: diventa urgente ripensare ad una nuova pedagogia in positivo per i tempi che andiamo a vivere. Occorre che in noi ci sia la volontà di comprendere e di valorizzare quanto di buono fruttifica in questa società, accettando di rimettersi continuamente in discussione. Ognuno è perciò chiamato ad essere sé stesso, allenando nel contempo la propensione all’ascolto e al rispetto altrui.
Ecco perché pensiamo al campo scuola adulti a Cimacesta come a una tappa importante. Chi tra gli adulti ha già partecipato sa che esso è una straordinaria occasione di incontro, di amicizia, di crescita umana nella condivisione e insieme profonda esperienza di fede. In questi anni in tanti, adulti, famiglie, nonni e bambini siamo stati a Cimacesta e tutti insieme abbiamo costruito il campo, abbiamo pregato e giocato, ci siamo interrogati sulla nostra vita, sulle gioie e sulle fatiche, abbiamo approfondito e condiviso la nostra esperienza di fede, abbiamo fatto “famiglia”.
Il tema proposto quest’anno è proprio “ Voi siete il sale della terra – Voi siete la luce del mondo”. C’è una parte di “sapore” e di “luce” che ciascuno di noi può portare al campo e condividere! E sappiamo che anche gli adulti sanno essere “contagiosi” nelle proposte se ci credono per primi… Aspettiamo allora tanti adulti e tante famiglie a Cimacesta: diamoci da fare perché questa esperienza possa estendersi a molti.
Torneremo a casa ricaricati e pronti per ripartire con nuovo entusiasmo nell’impegno in AC e nelle nostre comunità.

 
Ferruccio e Paola
L’Azione, domenica 11 luglio 2010