VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 08 Dicembre
dicembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC

NEWS ACVV

"Anche Si....gnore" Smartbox spiritualità
L 'ultima settimana di novembre e la prima di dicembre vedono realizzarsi, nelle foranie, gli incontri di accostamento alla Parola del Signore per ragazzi di prima, seconda, terza superiore. Questo il calendario: venerdì 29 novembre, ore 20.30 nell'oratorio di Ponte della Priula per la forania La Colonna; sabato 30 novembre, ore 17.30 nell'oratorio di Gaiarine per la forania Pontebbana; domenica 1 dicembre,  dalle 15.00 alle 17.00 dalle suore Saveriane di Ceggia per la forania Torre di Mosto; sabato 14 dicembre, ore 17.00 nell'oratorio di Sacile per la forania Sacilese.

Work in progress
Per gli educatori ACR più giovani sono stati pensati degli incontri di formazione a livello locale. Queste la date del primo appuntamento: sabato 7 dicembre a Ceggia dalle 17 alle 18.30 per le foranie Mottense e Torre di Mosto; domenica 15 dicembre a San Polo di Piave dalle 9 alle 10.30 per la forania Pontebbana, con partecipazione alla Santa Messa a conclusione dell'incontro.

Veglia associativa diocesana
Sabato 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell'Immacolata, alle 20.30, nella chiesa parrocchiale di Colle Umberto, l'Azione Cattolica si ritrova in preghiera. "La casa di Maria", il filo conduttore della tradizionale veglia, che riconduce al verbo "abitare", tema associativo dell'anno.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata, l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano in molti modi diversi, ma è la benedizione delle tessere durante la Santa Messa il momento più significativo.

EVENTI

Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Campiscuola, che passione!


 

Intervista ad un Assitente e ad un cuoco
che hanno già vissuto l’esperienza di un Campo ACR delle medie

 
Tanti sono i giovani e gli adulti che prestano il loro servizio nei campiscuola diocesani dell’Azione Cattolica. Ecco due interviste a due di queste preziose persone che hanno già vissuto l’esperienza di un campo ACR:

 

L’assistente: don Michele

 
Qual è il ruolo di un assistente in un caposcuola di ACR?
Facile la risposta: essere un prete cioè volto, bocca, mani, cuore di Gesù buon Pastore per una comunità che vive e testimonia la fede a misura di ragazzo/a.
 
Qual è la priorità di un assistente verso il ragazzo che partecipa al caposcuola? E verso l’educatore?
Accoglienza di tutti e testimonianza convinta e cordiale di Colui che ci ama. Verso l’educatore risvegliare e consolidare il senso di appartenenza alla Chiesa che annuncia Cristo con varietà di carismi e di stili nella concordia dell’unica fede.
 
Quali momenti della giornata-tipo del caposcuola richiedono la presenza attiva dell’assistente?
La presenza è sempre attiva, vigile, partecipe, anche durante i pasti e i momenti di pausa. Ma è soprattutto nell’Eucarestia, nella celebrazione del Perdono e nella preghiera mattutina e serale che emerge più visibilmente la guida spirituale del sacerdote.
 
Si è appena concluso l’anno sacerdotale. Può un caposcuola essere occasione per avvicinare in modo diverso ragazzo e sacerdote?
Se c’è un prete che non ha mai fatto un camposcuola forse è il momento di pensarci seriamente! E’ certamente occasione privilegiata per un contatto e un annuncio più fresco e incisivo.
 
Cosa porta a casa, in particolare nella propria parrocchia, un assistente da un’esperienza come un caposcuola?
Al di là delle inevitabili fatiche, il tesoro di una gioia di seguire Gesù con il passo allegro e spensierato (lontano dai veleni di insulse contrapposizioni) dei ragazzi!
 
 

Il cuoco: Lorenzo

 
Quali gli ingredienti giusti perché una cucina sia efficiente in un caposcuola?
Allegria, buon umore e amalgama con i collaboratori. Da soli non si fa nulla.
 
I ragazzi di oggi hanno bisogno anche di educazione alimentare, come un camposcuola può aiutare a crescere in tal senso?
Insegnare è la base. I ragazzi sono abituati ai cibi delle mense scolastiche, non hanno ancora gusti particolari, precisi. Hanno bisogno di cose genuine, semplici, ma allo stesso tempo al camposcuola imparano ad assaggiare e a mangiare anche quello che a casa non mangerebbero. In tal senso il caposcuola offre un grande aiuto.
 
Il cuoco, come tutto il personale, in che misura riesce a trasmettere ai ragazzi la sua testimonianza di servizio?
Rispondo raccontando come chi faceva servizio ai campi sia stato di esempio per me: quando da genitore partecipavo ai campi, vedevo che oltre agli educatori c’erano molti altri che facevano qualcosa per i ragazzi. Allo stesso modo ho pensato che fosse giusto che anch’io facessi qualcosa. Credo che l’esempio diretto, il vedere che c’è qualcuno che presta il proprio tempo gratuitamente sia la testimonianza più convincente per i ragazzi.

 
L’Azione, domenica 4 luglio 2010