VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Camminando “fra arte e fede”…

23 maggio 2010 – Percorso artistico “Una fede millenaria

 
“Proposta: perché questa domenica non andiamo al percorso “Una fede millenaria?”
 
Spesso è difficile scegliere tra i tanti impegni che affollano i miei fine settimana, ma questa volta non ho avuto dubbi; mi incuriosivano il binomio fede-arte e l’idea di (ri)scoprire alcuni luoghi del nostro territorio.
Non ho avuto dubbi nemmeno quando ho saputo di essere tra i più giovani in comitiva perché l’arte riesce ad unire persone con età ed interessi diversi.
La scelta si è rivelata azzeccata: guidati dalla dr.ssa Laura Pasin abbiamo avuto l’opportunità di visitare gioielli artistici quali la chiesa di San Pietro di Feletto, l’oratorio dei santi Marco e Lorenzo dei Battuti e la Pieve di Sant’Andrea di Bigonzo avventurandoci all’interno di secoli di storia dell’arte, della Chiesa e della fede.
L’abile guida ha svelato ai nostri occhi storie, simboli e analogie delle sacre rappresentazioni dimostrando come la fede si intrecci con la pittura e come entrambe escano rafforzate da questo legame: la fede infatti realizza una nuova espressione con il segno, le luci, il colore e questi esplodono laddove le parole a volte vengono meno; mentre l’arte acquista spessore scegliendo come oggetto il divino.
Per me è stata una bella occasione per visitare, dei luoghi che altrimenti da sola non avrei saputo capire ed apprezzare al meglio. Guardare insomma, con occhi diversi, aiutata da chi è più competente, e vedere in profondità le nostre meraviglie artistiche. E davvero ce ne sono molte, a volte sempre sotto i nostri occhi, velate magari dall’anonimato artistico delle nostre chiese parrocchiali…
La promessa con cui ci siamo lasciati, è stata di continuare in questo percorso “fra arte e fede”, e sicuramente non mancherò di accogliere le altre occasioni che mi verranno offerte…

 
di Giulia Diletta Ongaro
Martedì 25 maggio 2010